Guerra delle visualizzazioni: Bieber a 800 milioni, Gangnam insegue

Guerra delle visualizzazioni: Bieber a 800 milioni, Gangnam insegue

I fan di Justin Bieber possono esultare: "Baby" è ancora il video col maggior numero di visualizzazioni su YouTube, anche perché ha appena raggiunto quota 800 milioni. Il risultato è stato ottenuto in 33 mesi, visto che il clip è stato caricato il 19 febbraio 2010. I cosiddetti Beliebers devono però guardarsi le spalle, visto che l'ultravirale "Gangnam style" di Psy fa già sentire il fiato sul collo con soli 60 milioni di "views" in meno di "Baby". I dati sono quelli riportati da Billboard, e, leggendoli bene, non stridono (se non apparentemente) con quelli resi noti pochi giorni fa da Starcount: il "social media tracker" aveva infatti riferito che Officialpsy, il canale ufficiale YouTube di Psy, aveva ricevuto 1 miliardo di visualizzazioni complessive. Questo non significa che 'Gangnam style' sia stato guardato 1 miliardo di volte: il video ufficiale è infatti attorno a quota 716 milioni, cifra nel frattempo aumentata negli ultimi tre giorni. Le due fonti riportano quindi dati che più o meno si equivalgono. Rimane il fatto che "Baby" ha raggiunto gli 800 milioni in quasi tre anni, mentre "Gangnam" tallona ad una incollatura in un lasso di tempo molto minore. Sulla "YouTube chart" citata da Billboard intanto va al numero 1 un altro video di Bieber, "Beauty and a beat", brano al quale partecipa Nicki Minaj. Il clip ha infranto il record di Vevo essendo stato guardato 10.600.000 volte nelle sue prime 24 ore. Psy non ha comunque motivo di cruccio, visto che




Contenuto non disponibile







 "Gangnam" ora guarda dall'alto al basso i video abbinati a canzoni popolari come "On the floor" di Jennifer Lopez e "Waka waka" di Shakira.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.