La figlia di Jon Bon Jovi non è più accusata di possesso di droga

Stephanie Rose Bongiovi, la figlia di Jon Bon Jovi dei Bon Jovi, non è più accusata di possesso di stupefacenti. La 19enne studentessa era stata arrestata a New York per possesso di droga dopo una sospetta overdose di eroina. La notizia era stata diffusa dalla Reuters che aveva citato fonti di polizia. Stephanie Rose (nata il 31 maggio 1993) è la maggiore della nidiata del cinquantenne John Francis Bongiovi, che nel 1989 sposò l'attuale moglie Dorothea Hurley. Stephanie era stata trovata in stato di incoscienza in un dormitorio dell'Hamilton College di Clinton, New York, e portata d'urgenza presso un ambulatorio. Tornata in sé, la donna era stata incriminata per possesso di eroina, di marijuana e di oggetti relativi al consumo di sostanze stupefacenti; dopo la notifica Stephanie era stata rilasciata. Si viene sapere ora che, molto probabilmente, non si andrà al processo in quanto il procuratore Scott McNamara non vuole procedere all'incriminazione. Non è tuttavia chiaro se il non procedere sia dettato dalla modica quantità di droga ritrovata o se invece a Stephanie sia stata applicata la regola newyorkese che impedisce l'incriminazione alle persone che chiedano assitenza dopo una overdose. Il "New York Daily News" propende per quest'ultima interpretazione e riferisce che Stephanie deve essere grata alla "new good Samaritan drug law" approvata lo scorso anno.




Contenuto non disponibile







I Bon Jovi, come già riportato da Rockol, saranno in Italia per un'unica data del loro tour mondiale, allo stadio San Siro di Milano il prossimo 29 giugno.

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.