Wilco: ‘Suoniamo più strani. Ma non è colpa di Jim O’ Rourke’

Wilco: ‘Suoniamo più strani. Ma non è colpa di Jim O’ Rourke’
Sull’onda dei grandi clamori critici sollevati dal recente album “Yankee hotel foxtrot”, i Wilco di Jeff Tweedy sono passati dall’Italia per un solo concerto, tenutosi il 21 maggio ai Magazzini Generali di Milano e aperto dai Preston School Of Industry dell’ex-Pavement Scott Kannberg. I plausi riservati al nuovo materiale ripagano la band dell’impegno profuso per superare un momento difficile, dopo che la Reprise aveva messo alla porta Tweedy e compagni proprio per la scarsa fiducia nel nuovo materiale. “Sono sempre stato ambivalente nei confronti dell’industria musicale: quando lavoravamo con un’etichetta indipendente non vedevamo un soldo e alla Reprise era difficile parlare con qualcuno che fosse interessato a quello che facevamo”, ci ha spiegato Tweedy. “La vicenda ci è servita per imparare a far conoscere la nostra musica e continuare a suonare anche senza un contratto. Poi si è fatta avanti la Nonesuch che ci ha offerto un buon ingaggio e sono contento di lavorare con gente che ama quello che fa”.
La svolta sperimentale inaugurata dal nuovo album è avvenuta con l’importante contributo di Jim O’ Rourke. Curiosamente però, i tocchi più rumoristici nei brani non sono opera dell’acclamato manipolatore di suoni, che ha invece provveduto a sfrondare gli arrangiamenti troppo densi realizzati inizialmente dalla band. “Abbiamo lavorato a lungo sulle idee che avevamo e continuavamo ad aggiungere suoni, ma non era quello il disco che volevo. Jim, che è un amico con cui ho lavorato a diverse cose, ci ha aiutato molto nel rifinire quello che avevamo registrato”. E l’esibizione milanese ha confermato che la nuova direzione dei Wilco non è frutto di alchimie di studio. La band infatti ha portato sul palco in modo convincente gran parte del nuovo lavoro, oltre a vecchie pagine più vicine al rock tradizionale e alle radici americane.
Il resoconto completo dell’incontro con Jeff Tweedy sarà disponibile a breve nella sezione interviste di Rockol.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.