'Grande sfida' per il copyright: i Twisted Sister contro il furgone dei panini

'Grande sfida' per il copyright: i Twisted Sister contro il furgone dei panini

Sembra una barzelletta, eppure i Twisted Sister, la storica glam band statunitense, hanno citato un camioncino che vende cibo per strada a Minneapolis per violazione del copyright.

Il Twisted Sister House Of Hunger, infatti, è un classico furgone attrezzato per la vendita itinerante di street food statunitense (patatine, hamburger, hot dog, sandwich farciti, cheesecake...), ma l'utilizzo di "Twisted Sister" nel nome dell'attività proprio non è piaciuto a JJ French, chitarrista e manager del gruppo.
E' così che French - con l'aiuto del suo fido legale - ha intimato a Wesley Kaake (il proprietario dell'azienda) di cessare immediatamente l'utilizzo del nome del gruppo per la sua attività commerciale, visto che non ha richiesto alcuna autorizzazione per farlo e ciò potrebbe causare danno d'immagine alla band.
Cody Allen, che gestisce il furgone, ha commentato: "Non capisco come qualcuno potrebbe confondere uno scatolone di alluminio lungo sei metri con una rock band degli anni Ottanta. In più non ci chiamiamo mai solo Twisted Sister - noi siamo ristoratori, non musicisti".

I Twisted Sister non sono nuovi a controversie legali del genere e French è molto attento a salvaguardare il nome del gruppo; tant'è che in risposta alle critiche di chi lo ha accusato di essersi imbarcato in una battaglia impari e forse ingiusta, ha commentato: "In più di 35 anni ho difeso il mio marchio contro compagnie grandissime (Six Flags, Urban Decay, Harley-Davidson) e dozzine di piccole società a conduzione famigliare. La loro strategia è quasi sempre identica. Prima dicono di non avere mai sentito il gruppo e poi che comunque nessuno potrebbe confondere le due cose. E io ho vinto ogni singola causa. La combinazione delle parole 'Twisted' e 'Sister' non era mai apparsa prima che con la mia band la utilizzassimo. Lo ha stabilito un giudice nella sentenza contro Six Flags. Il nome è unico, come Led Zeppelin, quindi ogni utilizzo diverso potrebbe confondere il mercato e far credere che un prodotto o un servizio sia correlato a noi". E ha aggiunto: "Non capisco perché la gente senta il bisogno di rubare ciò che è di altri. Forse sono solo pigri. Credo che il vero motivo per cui hanno usato il nostro nome e non hanno chiamato la loro attività The Beatles, Rolling Stones o Motley Crue House Of Hunger è che sapevano che sarebbero stati subito denunciati e pensavano, magari, che noi invece non ce ne saremmo accorti. Mi spiace: l'abbiamo fatto".



Contenuto non disponibile


French si è anche detto disposto a concedere l'utilizzo del nome alla ditta di ristorazione dietro giusto compenso, che sarà interamente devoluto in beneficenza.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.