La fidanzata difende AJ (Backstreet Boys): 'E' ancora 'pulito''

La fidanzata difende AJ (Backstreet Boys): 'E' ancora 'pulito''
Sarah Jo Martin, fidanzata e futura moglie di AJ dei Backstreet Boys, ha ufficialmente smentito su un fan site del gruppo (www.bsb4ever.org) la notizia, riportata dal giornale inglese “The Mirror” (e ripresa anche da Rockol), che voleva il cantante ancora schiavo della bottiglia. Lo scorso agosto (vedi news) il cantante Alexander McLean, nato il 9 gennaio 1978, si era volontariamente recato in una clinica specializzata per risolvere i propri problemi di alcool e depressione. Per questo motivo il resto della band aveva deciso di rimandare la data d’inizio del tour nel Nord America. La formazione era tornata ad esibirsi al completo il 24 agosto nel concerto di Milwaukee (vedi news). “Alex sta benissimo, continua la sua terapia”, lo ha difeso Sarah, futura signora McLean, “Queste voci non fanno altro che ferirlo”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.