John Hirai (YouTube): 'La partnership con Vevo proseguirà'

John Hirai (YouTube): 'La partnership con Vevo proseguirà'

A dispetto delle tensioni affiorate negli ultimi mesi, YouTube e Vevo stanno trattando le condizioni di un rinnovo della partnership che le ha legate finora, e dovrebbero trovare un accordo. Questa, almeno, è la sensazione di John Hirai, responsabile di YouTube in Giappone e in Corea, che intervenendo alla conferenza MU:CON la settimana scorsa a Seul ha sostenuto che "alcune delle cose che sono state scritte sulla stampa non corrispondono del tutto a verità. Lo so perché io stesso sono stato coinvolto nelle negoziazioni". "Quel che posso dire", ha aggiunto, "è che credo che vedrete YouTube e Vevo continuare a collaborare anche negli anni a venire".

L'esistenza di contrasti tra la piattaforma video di Google e quella creata dalle major Universal e Sony Music era stata confermata il luglio scorso dal presidente e amministratore delegato di quest'ultima, Doug Morris, secondo il quale le pretese economiche di Google stavano rischiando di mettere a repentaglio la collaborazione. "Google", aveva dichiarato allora il discografico statunitense, "ci chiede un sacco di soldi per mettere i nostri video sulla sua piattaforma, e noi vorremmo che riducesse le sue tariffe. Se non succederà, ci sono almeno tre altre società che vogliono i nostri clip" (i nomi che circolano sono quelli di Facebook, Microsoft, Apple e Amazon). YouTube risulta trattenere da Vevo tra il 30 e il 50 per cento degli introiti pubblicitari netti, oltre a una commissione di vendita pari al 10 per cento.

Secondo le rilevazioni di Nielsen e di comScore, Vevo è la destinazione online più popolare tra quelle che si appoggiano a YouTube, con numeri decisamente superiori ai 40 milioni di utenti unici al mese negli Stati Uniti.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.