Royalty digitali, accordo tra Universal e i primi produttori di Eminem

Royalty digitali, accordo tra Universal e i primi produttori di Eminem

La vertenza FBT Productions vs. Aftermath, innescata nel 2007 dai primi produttori di Eminem Mark e Jeff Bass che rivendicavano nei confronti dell'etichetta del gruppo Universal Music una quota molto più consistente delle royalty generate dalla vendita di musica in formato digitale, si è chiusa lunedì con un accordo extragiudiziale di entità sconosciuta ma, a sentire il legale degli attori in giudizio (l'avvocato Richard Busch di King & Ballow), di reciproca soddisfazione per le parti.

La diatriba, che ha dato origine a numerose, identiche cause per iniziativa di artisti e dei loro manager, verteva sui metodi di calcolo (e, conseguentemente, sull'entità) delle royalty digitali: le case discografiche sostengono che le percentuali sui download dovrebbero essere identiche a quelle applicate alla vendita dei cd (riconoscendo agli artisti, in media, non più del 15 % del prezzo di vendita); gli artisti stessi sostengono invece che, trattandosi di licenze ex novo sulla commercializzazione del repertorio, a loro spetterebbe il 50 % delle somme incassate dall'etichetta. Tesi, quest'ultima, accolta il 3 settembre del 2010 da una Corte d'Appello statunitense con effetti potenzialmente dirompenti sulle finanze dell'industria discografica (anche per l'entità delle richieste sul pregresso, si parla di parecchi milioni di dollari).

Da vedere, ora, come la risoluzione della vertenza pilota in materia influirà sulle numerose cause ancora in corso, e che hanno per protagonisti artisti come James Taylor, Kenny Rogers, REO Speedwagon, Sister Sledge, Rob Zombie e Temptations.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.