Stati Uniti: l'uragano Sandy blocca il rock sulla east coast

Il ciclone battezzato Sandy (declassato poche ore fa a tempesta tropicale) che - muovendosi dal golfo del Messico, dove ha devastato parte della Giamaica - ha raggiunto nella notte la costa orientale degli Stati Uniti (in particolare, i dintori di Atlantic City, a 150 chilometri dalla Grande Mela, all'una - ora italiana - della scorsa notte, circa le 20 ora locale), ha letteralmente paralizzato le attività dal vivo degli artisti in tour lungo la east coast americana: la perturbazione ha infatti costretto allo stop le tournée di artisti di prima grandezza, che - osservando lo stato di massima allerta indetto dalle autorità statunitensi - hanno preferito sospendere i propri live per ragioni di sicurezza.

Sandy, come è logico, non guarda in faccia a nessuno. Nemmeno il Boss, che a Rochester, nello stato di New York, praticamente giocherebbe (quasi) in casa: lo spettacolo programmato da Bruce Springsteen per questa sera nel capoluogo della Contea di Monroe è stato spostato a giovedì sera. Peggio è andata agli XX, che proprio in questi giorni si trovano in tour tra Filadelfia, New York e Baltimora: tutti i concerti sono stati rimandati a data da destinarsi. Rimandato anche il festival "Freedom to love now", in programma al Beacon Theatre di New York che in cartellone vede star del calibro di National, Rufus Wainwright, Reggie Watts, Doveman e molti altri: "Stiamo cercando di riprogrammare l'evento, possibilmente la prossima primavera", hanno fatto sapere gli organizzatori sul proprio sito ufficiale.

I Deftones hanno preferito cancellare momentaneamente le date previste nei prossimi giorni a Baltimora e New York. Come logico intuire, è il calendario eventi della Grande Mela ad aver subito le maggiori variazioni: Aimee Man, Ted Leo (entrambi attesi alla Bowery Ballroom il 31 ottobre), Swans, Devendra Banhart (che avrebbero dovuto esibirsi ieri alla Music Hall of Williamsburg di Brooklyn), Cypress Hill (in programma stasera al Best Buy Theater di NYC), Soft Moon (in cartellone sempre stasera alla Bowery Ballroom), Brandie Carlile e Blitzen Trapper (di scena domenica e lunedì al Beacon Theater) e Rusko (atteso domenica a New York e martedì in New Jersey) hanno optato tutti per la momentanea cancellazione delle date in agenda.

Vittime, per così dire, della furia di Sandy sono stati anche la quasi totalità degli spettacoli in cartellone nelle sale di Broadway - tutti sospesi - e alcuni dei più celebri show televisivi a stelle e strisce realizzati negli studi newyorchesi, come - tra gli altri - il Jimmy Kimmel Live!, il Daily Show e il Colbert Report. Tengono invece duro il Late Show with David Letterman e il Late Night with Jimmy Fallon, che però verranno girati senza la presenza del pubblico in studio.

Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Francesca Trainini (PMI, Impala)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.