E-commerce in Italia, cresce dell'11 % il comparto libri/musica/audiovisivi

E-commerce in Italia, cresce dell'11 % il comparto libri/musica/audiovisivi

Le buone performance registrate da Amazon Italia e da IBS.it (a dispetto della crisi generalizzata dei consumi) hanno contribuito sostanzialmente, nel corso del 2012, a un incremento dell'11 % nel giro d'affari dei siti e-commerce italiani nel settore dell'editoria, della musica e degli audiovisivi. Il dato è contenuto in una ricerca condotta dall'Osservatorio B2C Netcomm-Politecnico di Milano, che valuta il fatturato globale del commercio elettronico in Italia intorno ai 9,5 miliardi di euro (il 19 % in più dell'anno precedente, e il 2,6 % del totale delle vendite retail).

E' l'abbigliamento (+ 33 %), secondo Netcomm (Consorzio del Commercio Elettronico Italiano), a registrare l'incremento più elevato nel corso dell'anno, mentre il settore dell'informatica ed elettronica di consumo, trainato da Amazon e da eBay.it, cresce del 27 %, e il comparto grocery (generi commestibili) ancora alquanto ridotto, del 17 %; più contenuta (14 %), la crescita degli acquisti di servizi turistici e assicurativi mentre resta sostanzialmente stabile il comparto del ticketing eventi, pari all'1,5 % dell'ecommerce b2c (business-to-consumer). Lo studio stima un incremento del numero dei compratori online da 9 a 12 milioni, il 40 % dell'utenza totale di Internet in Italia.
"Se il 2011 era stato l'anno del boom dei siti di Couponing, dei club online e dell'ingresso di Amazon, il 2012 è invece l'anno del consolidamento di questi fenomeni", ha spiegato Alessandro Perego, responsabile scientifico dell'Osservatorio B2c Netcomm-Politecnico di Milano.

Pur registrando tassi di incremento superiori, l'e-commerce in Italia vale tuttora un sesto di quello inglese (60 miliardi di euro), un quarto di quello tedesco (39 miliardi) e quasi la metà di quello francese (2 miliardi).

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.