Mills (Beggars) insiste: 'L'industria deve preoccuparsi del potere di Universal'

Martin Mills, cofondatore e amministratore delegato della indie Beggars Group, non ha cambiato parere sugli effetti della fusione tra EMI e Universal, anche dopo che quest'ultima si è vista costretta dalla Commissione Europea a liquidare una parte consistente degli asset discografici a cominciare dalla Parlophone. "Significa che ha vinto il fronte anti-merger?", gli chiede intervistandolo Ben Watts dell'etichetta di musica elettronica Buzzin' Fly. "Stronzate", è la sua risposta. "Siamo noi ad avere perso. E loro hanno vinto", dice riferendosi a Universal. "Se fin dall'inizio gli avessero offerto l'opportunità di comprare due terzi della EMI a due terzi del prezzo non si sarebbero fatti scappare l'occasione". "L'industria", è il parere di Mills, "dovrebbe essere terrorizzata dalle conseguenze: Universal ha distrutto un importante concorrente e ha guadagnato quello che presto diventerà il 50 % del mercato. Aspettate e vedrete che cosa farà ora che detiene quel potere".

Il discografico inglese è molto meno critico nei confronti dei grandi, nuovi protagonisti del mercato musicale digitale come Apple e Amazon: "Non mi risento del fatto che si prendano una fetta del 30 per cento sulle vendite", ha spiegato a Watt. "Sono abili commercianti, fanno un gran lavoro e hanno bisogno di garantirsi un margine".

Dall'archivio di Rockol - 1991, l'ultimo anno d'oro del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.