Francesco Renga: 'Riabituarsi alla musica, come forma d'arte'

Francesco Renga: 'Riabituarsi alla musica, come forma d'arte'
Anche Francesco Renga sostiene l'iniziativa “Save the music”, che verrà presentata nella serata di sabato 27 del Disma Music Show di Rimini. Lanciato dal canale TV americano VH1, il progetto sostiene e promuove l'insegnamento della musica nelle scuole. “Credo che sia un'iniziativa lodevole: la crisi del mercato e della discografia di cui si parla tanto è dovuta anche alla mancanza di un'educazione musicale”, motiva Francesco. “Si è persa l'idea della musica come arte… Spesso mi capita di firmare copie non autorizzate di miei cd: è una cosa che può far ridere, ma rivela come spesso sia considerata la musica. Mi pongo anche dal punto di vista dell'artista: noi per primi non riusciamo più a coinvolgere e a far affezionare il pubblico”, spiega. "E' cambiato tutto: non si aspetta più con ansia l'uscita di un disco per leggere le note, guardare la copertina… Questo è dovuto anche alla mancanza di abitudine alla musica, quella che dovrebbe trasmettere la scuola. Quando ero ragazzino c'era un modo diverso di vivere questa passione: ci si trovava nelle cantine a scrivere, suonare e provare… Ora si ascoltano le stesse canzoni alla radio fino alla nausea, si scarica tutto da Internet”. “Quello che sto cercando di mettere in atto è un percorso lungo ma coerente”, riflette Francesco. “In questo sono fortunato. Sono uscito da una gruppo rock, i Timoria, e ho fatto un primo disco che era quello di un cantante senza band. Non lo rinnego, ma sono riuscito ad andare avanti… Poi l'anno scorso a Sanremo, con 'Raccontami', ho capito di aver trovato la mia strada: scrivo e penso la musica in modo diverso, cercando di evitare etichette che servono soprattutto agli addetti ai lavori”.
Francesco è stato uno degli artisti che più hanno beneficiato del Festival: “Mi sono fatto conoscere, e spero che il pubblico voglia sapere chi sono, al di là di una singola canzone. E' tutto il sistema della discografia che è un po' perverso: c'è gente che diventa famosissima senza vendere una copia… Ai ragazzi che incontrerò al Disma racconterò questa esperienza”.
Il festival 2002, al quale Francesco ha portato il brano “Tracce di te”, ha visto un re-incontro a distanza con la sua ex-band, i Timoria, che presentavano "Casamia". Qualcuno ha anche maliziosamente tentato di far nascere una litigata in diretta TV… “Nessuno di noi è mai caduto in basso nel doloroso processo di separazione. Ora non sono comunque in una posizione tale da riuscire a giudicare con distacco la strada che Omar e soci hanno intrapreso. Hanno fatto delle belle cose, altre mi lasciano più perplesso. Ma, ripeto, sono troppo coinvolto per poter esprimermi”. Dopo la partecipazione a “Save the music”, i prossimi passi di Francesco prevedono la pubblicazione di un nuovo singolo estratto dall'album “Tracce”, “Dove il mondo non c'è più”, e la partenza della tournée: “Ci sarà una nuova band, inizieremo l'8 giugno: aprirò la data di Roma di Zucchero e Lenny Kravitz, e poi gireremo per l'Italia”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
13 nov
Scopri tutte le date

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.