Messier (Vivendi) licenzia il capo di Canal Plus e finisce sulla gogna

Vivendi Universal in subbuglio, dopo il licenziamento in tronco del boss di Canal Plus da parte dell'amministratore delegato Jean-Marie Messier. Il brusco allontanamento di Pierre Lescure ha accelerato la frattura tra i vertici del gruppo multinazionale transalpino e i dipendenti della pay-TV, che si preparano ad inscenare una manifestazione di protesta davanti all'Arco di Trionfo, sede dei quartieri generali della società parigina. Ma c'è di più: l'improvviso colpo di mano di Messier ha provocato un'alzata di scudi da parte di numerosi personaggi pubblici e dello spettacolo che, dagli schermi della televisione francese, hanno invitato il pubblico a cancellare i loro abbonamenti all'emittente via cavo.

Lo stesso primo ministro Lionel Jospin è intervenuto nella querelle, chiedendo all'autorità di vigilanza radiotelevisiva di indagare sulla vicenda: l'organo governativo ha già raccolto l'appello e intende sentire tanto Lescure che Messier per assicurarsi che Canal Plus tenga fede, in futuro, agli impegni di finanziamento e promozione dell'industria cinematografica francese previsti dalla sua licenza di trasmissione televisiva.
Messier, da parte sua, ha giustificato il licenziamento di Lescure con la necessità di ricompattare il management dell'azienda e assicurarle “una rinfrescata”. Ma certo la sua decisione ha rinfocolato ulteriormente le tensioni con l'establishment politico, finanziario e culturale nazionale, dopo che nei giorni scorsi (vedi news) l'amministratore delegato di Vivendi Universal era finito pubblicamente sotto accusa per i deficit di bilancio e il crollo delle quotazioni in Borsa subite dal gruppo (cui fa capo anche la major discografica Universal Music).
Il manager francese, intanto, ha già nominato il successore di Lescure: si tratta di Xavier Couture, già direttore del canale televisivo di stato TF1.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.