Limp Bizkit: 'Coi dischi non si guadagna più, ma costa poco farli'

Limp Bizkit: 'Coi dischi non si guadagna più, ma costa poco farli'

Wes Borland, chitarrista dei Limp Bizkit e mente dei Black Light Burns, recentemente è stato intervistato dal magazine svedese Metalshrine; nella chiacchierata ha aperto una lunga parentesi sullo stato attuale del music business e su come sia cambiato il modo in cui una band opera.
"Il fatto è che vendendo dischi non si guadagna più nulla, ma farli costa pochissimo. [...] Ora chiunque può farne uno gratis a casa propria e suonerà benissimo. Per via di questo e di internet ora c'è una saturazione di musica in giro. Certe cose sono bellissime. [...] Ma c'è anche un sacco di musica schifosa in giro. E' difficilissimo scovare le cose buone. E' come cercare un ago in un pagliaio".

Ha poi aggiunto: "Forse ci sono i nuovi Led Zeppelin là fuori, ma stanno per mollare perché non hanno tempo e soldi per andare in tour e così tutte le opportunità di carriera se ne svaniranno perché devono fare i lavapiatti per pagare l'affitto. Questa è la perdita peggiore: che le persone non possano più permettersi di fare musica.


Contenuto non disponibile



Borland si abbandona anche a una nota sarcastica: "I dischi dei Black Light Burns vendono davvero da schifo, ma non capisco come mai tutti sembrano averli ascoltati. Ogni giorno trovo gente che di continuo mi dice 'Oh il disco è grandioso!' oppure mi dicono che l'album gli piace moltissimo, eppure non l'hanno comprato. Ecco come siamo piazzati".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.