Richard Branson pronto a vendere dischi online

Richard Branson pronto a vendere dischi online
Parlando all’annuale convention della National Association of Recording Merchandisers (NARM) tenutasi questo mese a San Francisco, Richard Branson (creatore del marchio Virgin e ora patron dell’etichetta V2) ha rivelato le prossime strategie del suo gruppo (che include la Virgin Airlines, i Virgin Megastores e la Virgin Cola, ma non la Virgin Music, ceduta anni fa alla EMI) riguardo al web: vendere dischi online. Si partirà dalla Gran Bretagna entro pochissime settimane, ma il piano definitivo è quello di creare un sito mondiale unico che, contestualmente, si rivolgerà a mercati nazionali diversi con prezzi, valute e offerte differenti. Branson si è dato una scadenza di un anno per l’attuazione definitiva del piano.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.