Ludacris in tribunale per difendere il suo nome

E' scoppiata una battaglia legale per l'uso del nome "Disturbing tha peace". Demitri Brown e Donna Evans-Brown si sono rivolti al tribunale affinchè Ludacris smetta di usare quella frase per le sue produzioni discografiche.

La coppia di Dallas afferma d'aver scoperto nel marzo 2011 che l'artistaa aveva illegalmente fatto richiesta per depositare "Disturbing tha peace", mentre già dal 1988 i Brown usavano "Disturb the peace" per i loro prodotti in commercio nel settore del materiale audio/video. Negli incartamenti depositati in tribunale si cita Ludacris (vero nome Christopher Bridges), sua madre Roberta Shields e la Disturbing Tha Peace Entertainment. I Brown accusano l'artista di aver dichiarato che quell'azienda di Dallas non era più in attività in modo da ottenere il marchio per la sua etichetta. La coppia ha chiesto un'ingiunzione e un ordine del giudice affinchè Disturbing Tha Peace non possa essere usato in Texas con effetto immediato. Il rapper 35enne non ha al momento risposto alle accuse.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.