Caso Pussy Riot: avvocati licenziati, l'appello slitta al 10 ottobre

Caso Pussy Riot: avvocati licenziati, l'appello slitta al 10 ottobre

Il team legale che ha sin qui curato la difesa delle Pussy Riot, e che alla fine dello scorso agosto aveva impugnato la sentenza emessa il 17 agosto dalla corte di giustizia moscovita, depositando il 27 agosto un ricorso in appello presso il tribunale di Khamovniki nella capitale russa, è stato licenziato dalla band. La decisione è stata annunciata in aula ai giudici da Yekaterina Samutsevich. Così l'appello è stato fatto slittare, per concedere alla nuova difesa di studiare il caso, al prossimo 10 ottobre. I tre elementi del collettivo, come noto, sono stati condannati a due anni di reclusione per "teppismo aggravato da odio religioso". I fatti contestati risalgono allo scorso febbraio, quando il gruppo fu fermato dalle autorità dopo aver inscenato una protesta sull'altare maggiore della cattedrale moscovita di
Cristo Salvatore. Con una canzone "blasfema", "insultante" e "gravemente offensiva nei confronti dei fedeli ortodossi" le Pussy Riot si sono rese responsabili, come si è letto nella sentenza, di una "grave violazione dell'ordine pubblico", durante il quale sarebbe stato esplicitato il proprio "odio basato su affiliazione religiosa". Alla seduta di oggi, come informa la Reuters, fuori dall'aula si sono fronteggiati sostenitori della band, che hanno liberato in cielo palloncini colorati, e fedeli ortodossi, i quali invece hanno intonato canti sacri. Stanislav, padre di Yekaterina Samutsevich, ha riferito che spera di convincere la figlia a tornare sui suoi passi. "Penso che sia un grave errore, qui ho la strana sensazione che stiano cerando di spaccare la difesa".




Contenuto non disponibile







Nelle scorse settimane in Italia, oltre agli Elio e le Storie Tese, ha espresso "più che solidarità" all'ensemble russo - per mezzo della sua pagina personale di Facebook - Vasco Rossi.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.