NEWS   |   Industria / 01/10/2012

Ecco Pono, lettore digitale ad alta fedeltà: Neil Young lo presenta in tv

Ecco Pono, lettore digitale ad alta fedeltà: Neil Young lo presenta in tv

Le prime anticipazioni di Neil Young riguardo a Pono, lettore di musica digitale destinato nelle sue intenzioni a sopperire alla bassa fedeltà audio di file e lettori Mp3, risalgono al mese di aprile. Il progetto è andato avanti e giovedì scorso, intervenendo come ospite al Late Night with David Letterman, l'artista canadese ne ha dato dimostrazione estraendo di tasca e mostrando in pubblico un prototipo del riproduttore portatile di sua ideazione: una sorta di iPod di colore giallo e dal design estremamente semplice e lineare, più grande del player della Apple e dotato di supporto triangolare, che dovrebbe arrivare sul mercato l'anno prossimo. Il nuovo player è in grado di riprodurre tanto file Mp3 che registrazione ad alta risoluzione (192 kHz/24 bit). "Suona di tutto, tutti i formati digitali", ha spiegato Young a un incuriosito Letterman, "cosicché oggi possiamo preservare i lavori originali di tutti i grandi artisti che si sono succeduti nel corso degli anni, da Louis Armstrong e Cab Calloway fino a Bruce Springsteen, Bob Dylan e Jay-Z". Secondo quanto dichiarato da Young durante lo show, il sistema permette di convertire le registrazioni analogiche in file digitali ad alta risoluzione con una qualità audio pressoché identica a quella dei master realizzati in studio, preservando le caratteristiche del suono così come concepito da artisti e produttori.





Il progetto, di cui il musicista aveva rivelato in aprile di avere discusso con Steve Jobs poco prima della morte del leader della Apple, nasce con il patrocinio delle major discografiche Universal, Sony Music e Warner ("Dovrà essere una soluzione adottata a livello industriale", ha spiegato a Rolling Stone il presidente della Atlantic Craig Kallman). Nell'autobiografia "Waging heavy peace" appena uscita negli Stati Uniti e presentata allo show di Letterman, lo stesso Young scrive che Pono contribuirà a mettere insieme case discografiche e cloud computing per "salvare il suono della musica", uno dei chiodi fissi del rocker canadese convinto che nessun formato digitale, a partire dal cd, abbia saputo finora replicare il livello di fedeltà dell'analogico e del vinile.

A quasi sessantasette anni (li compirà il prossimo 12 novembre) Young sta vivendo un momento di grande attivismo e di massima visibilità mediatica: oltre a presentare Pono e la sua autobiografia, come noto, il canadese si prepara a dare alle stampe il 30 ottobre "Psychedelic pill", doppio album inciso con i Crazy Horse immediatamente dopo le session che hanno fruttato la raccolta di standard rivisitati "Americana".

Scheda artista Tour&Concerti
Testi