Skunk Anansie, 'Black traffic': 'Un disco veloce su ciò che si muove nell'ombra'

Skunk Anansie, 'Black traffic': 'Un disco veloce su ciò che si muove nell'ombra'

Più che alla presentazione di un disco, sembra di partecipare a un simposium politico-sociale quando si entra nella lussuosa e tetra stanza dove gli Skunk Anansie hanno dato appuntamento alla stampa milanese un giorno prima dell'uscita del loro ultimo lavoro in studio. "Black traffic" è infatti, atteso per oggi, martedì 25 settembre, ed è il risultato di numerose chiacchierate e di serie riflessioni nate in corso di registrazione: "L'album è stato realizzato nell'arco di un anno e mezzo, un periodo in cui sono successe molte cose" ha subito dichiarato Skin, facendo esplicito riferimento a Occupy Wall Street (il movimento  di contestazione contro il capitalismo finanziario) e al suo "derivato", Occupy London, contro l'ineguaglianza economica e la mancanza di case disponibili e accessibili nel Regno Unito; ma anche: "lo scandalo Barclays, le rivolte in Grecia… Tutti queste cose insieme ti danno l'idea che ci sia qualcosa che si muove nell'ombra, al di sotto della vita di tutti i giorni. Che ci sia un gruppo di poche persone con in mano il potere di manipolare la realtà. Un traffico nero, occulto, sotto quello superficiale noto alla gente comune. Il primo singolo 'I believed in you' parla proprio del disappunto di molti nei confronti della classe politica salita al potere. Tante persone sono state deluse, ad esempio, dai loro leader. Tutti vogliamo votare, ma per chi? Sbagliano tutti perché alla fine interessa di più pensare alla loro posizione come politici che elevare la posizione del paese che stanno rappresentando".

"Black traffic" è il terzo album pubblicato da quando il quartetto inglese si è riunito nel 2009, dopo nove anni di separazioni, ma anche la prima produzione indipendente che la band ha potuto realizzare tramite la sua etichetta: "Essere indipendenti è bello", ha commentato la cantante di Brixton, "è molto bello. Hai molto più controllo su quello che hai intorno, su quello che stai facendo. Da ogni punto di vista. Certo, il tutto richiede più tempo, ma è bello sapere che stai lavorando con un team dipersone davvero invogliate a farlo, perché ama gli Skunk Anansie e quello che fanno".
A prendere poi la parola è stato il chitarrista  del gruppo,  Ace: "Oltre tutto, abbiamo realizzato il disco in maniera molto diversa e mai provata prima d'ora. Ognuno di noi ha registrato separatamente delle tracce semplici, poi pezzo per pezzo le abbiamo analizzate…prima partendo dallo scheletro e poi sconvolgendole. Il nostro scopo principale era quello di mantenere la musica vibrante e non perdere alcuna emozione o sensazione. E' un disco molto veloce, un'evoluzione accelerata. E' stato molto eccitante".
"Se non sei spremuto, ma hai il tempo necessario per creare qualcosa in modo naturale è anche più facile che ognuno possa mettere del suo in ogni brano", ha poi precisato Mark Richardson, batterista della band - già alle pelli con Feeder e Little Angels.

"Black traffic" è il disco che rappresenta in qualche modo una presa di coscienza di sè da parte della formaziono: "L'album è stato realizzato tra Los Angeles e Londra ed è stato prodotto da Chris Sheldon (Foo Fighters, Pixies, Byffy Clyro, ndr). Eravamo in un fantastico studio di registrazioni che ci stimolava ma con odori di funghi ammuffiti. Ci piaceva, ma ci siamo resi conto di non essere più una band di giovani studenti. Noi vogliamo aria condizionata, caloriferi e carta igienica", ha scherzato poi Skin che, una volta ripresa la parola ha assicurato "La nostra energia è rimasta la stessa, solo che diciamo le cose in modo più conciso e abbiamo trovato il modo di esprimerci più duramente se vogliamo".
Gli Skunk Anansie saranno presto impegnati in una tournée europea che passerà anche dall'Italia per tre date, una al Forum di Assago a Milano, il prossimo 19 novembre, una a Roma, al Palalottomatica, il giorno successivo e infine al PalaArrex di Jesolo il 21: "Ci saranno effetti speciali e sarà il nostro show più grande. Abbiamo delle idee piuttosto matte riguardo a questo tour, ma ancora non sappiamo come realizzarle. Anche per rientrare nei nostro budget limitato", ha conluso Skin. 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
15 mag
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.