Music 4.5 Smart Radio: a Londra un seminario su radio, Internet e streaming

Music 4.5 Smart Radio: a Londra un seminario su radio, Internet e streaming

Analisti e programmatori radiofonici, gestori di start-up tecnologiche e di imprese online, artisti e manager, discografici ed editori musicali provenienti dall'Europa e dagli Stati Uniti converranno mercoledì 26 settembre a Londra per partecipare al Music 4.5 Smart Radio, un seminario focalizzato sui nuovi modelli di business delle radio online e sulle prospettive di sviluppo delle nuove piattaforme interattive e di streaming.

L'evento, organizzato da 2Pears, avrà luogo dalle due alle sei pomeridiane presso gli uffici dello studio legale Lewis Silkin ubicati in Chancery Lane, e sarà presieduto da Cliff Fuet, già nello staff direttivo di Capital Radio/Global Radio. Dopo il keynote speech intitolato "Smart radio - the future of online and terrestrial radio" e affidato a Clive Dickens, cofondatore e direttore operativo di Absolute Radio nonché direttore di RadioPlayer e amministratore fiduciario della Radio Academy, il programma della manifestazione prevede interventi di David Lewis, fondatore dell'ente di ricerche Audiencenet (che esporrà dati aggiornati sui comportamenti e le tendenze della nuova generazione di radioascoltatori), Grant Goddard (analista e fondatore di Totally Radio, che esaminerà il complesso sistema delle licenze che regolano i servizi audio online) e Pete Downton (direttore Cloud Services presso Imagination Technologies, il cui intervento verterà sull'innovazione musicale e sull'impatto della rivoluzione digitale dal punto di vista delle radio). Un panel moderato da Greg Grimmer, media partner dell'agenzia HMDG (vi partecipano Giampiero Di Carlo, fondatore e direttore responsabile di Rockol, Linda Smith, presidente esecutivo del Radio Advertising Bureau, l'ex dirigente di We7 Clive Gardiner e il cofondatore di Mixcloud Nikhil Shah) si confronterà sui temi della radio online intesa come veicolo pubblicitario e della sostenibilità dei modelli di streaming finanziati dalle inserzioni pubblicitarie. La discussione finale, condotta da Fluet, verterà invece sulle differenza tra piattaforme radio come Radio1 e piattaforme audio come Spotify, sulla "music discovery" e sull'impatto del social sharing messo in atto dalla cosiddetta "playlist generation".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.