Stati Uniti, ad iTunes il 29 % delle vendite di musica (e il 64 % dei download)

La vendita di musica registrata negli Stati Uniti continua a essere saldamente nelle mani di iTunes: il negozio virtuale della Apple, secondo le ultime statistiche rilasciate dal "Music Watch" di NPD e relative al trimestre aprile-giugno 2012, controlla il 64 per cento del mercato digitale (download) e il 29 per cento di quello globale, comprensivo anche delle vendite di supporti fisici nei punti vendita tradizionali ( i calcoli di NPD equiparano un cd venduto a dieci download).

Alle spalle di iTunes, e a debita distanza, figurano Amazon/Amazon MP3, con una quota di mercato complessiva del 19 per cento, e i grandi magazzini Wal-Mart, con l'11 per cento. Amazon resta molto distante anche sul versante digitale, con una market share del 16 per cento, mentre altri operatori come Google Play, eMusic e Zune Music Pass (Microsoft) non vanno oltre il 5 per cento.

"A dispetto di un impiego crescente della radio in streaming e dei servizi on-demand il mercato del possesso digitale è ancora in aumento grazie anche all'evoluzione dei consumi dal desktop ai dispositivi tascabili, e Apple resta saldamente nella posizione di leader di mercato", ha osservato l'analista di NPD Russ Crupnick. "L'aumentata consapevolezza dell'utenza riguardo a Google Play", ha aggiunto, "è stata aiutata dall'impronta sempre più ampia lasciata dalla piattaforma mobile Android e rappresenta un primo passo verso l'adozione da parte del consumatore. Con Apple ancora in posizione di forza e l'ingresso di altri player emergenti, Zune Music Pass, Rhapsody e altri servizi presenti da tempo sul mercato vedono calare la percezione e la conoscenza da parte del pubblico".
 

I dati stimati da NPD sono stati comunque contestati da Billboard.biz, che li considera errati per difetto: già nel 2011, sostiene il trade magazine, iTunes assorbiva il 39 per cento del mercato globale negli Stati Uniti, e con l'ulteriore flessione del mercato fisico è ragionevole pensare che la quota sia ulteriormente aumentata quest'anno. 

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.