EMI, mercoledì la verità sui nuovi licenziamenti

EMI, mercoledì la verità sui nuovi licenziamenti
I vertici della major britannica rimandano ai prossimi giorni comunicazioni ufficiali a riguardo ma sembra confermato che, per effetto di una ristrutturazione ancora in corso delle operazioni mondiali del gruppo, oltre 1000 dipendenti dell'azienda dovranno lasciare il loro posto di lavoro. Dettagli più precisi sui tagli di organico, che secondo il Financial Times toccheranno oltre il 10 % dei 9 mila dipendenti EMI nel mondo (e che, secondo altre fonti, dovrebbero colpire soprattutto i settori vendite, distribuzione e servizi generali) saranno annunciati mercoledì prossimo, 20 marzo, quando l'amministratore delegato Alain Levy e il suo braccio destro David Munns relazioneranno ai media e agli investitori sullo stato delle cose (come loro stessi hanno confermato facendo circolare un “memo” interno all'azienda).
L'operazione rientra nelle misure di emergenza adottate dallo stesso Levy per cercare di ridurre i costi fissi del gruppo: gli analisti finanziari si attendono che, grazie alla riduzione di organico, la EMI riesca a risparmiare circa 50 milioni di sterline a partire dal prossimo anno, cifra che dovrebbe crescere a 70-100 milioni di sterline entro il 2005; secondo le stime della Goldman Sachs, le liquidazioni e gli incentivi al personale in esubero dovrebbero gravare in misura di circa 200 milioni di sterline sul bilancio dell'azienda, sotto forma di spese eccezionali.
La notizia, che ha evidentemente risvolti assai poco piacevoli, ha rallegrato solo gli investitori di Borsa, che hanno reagito al nuovo giro di vite annunciato da Levy risollevando del 4 % le quotazioni del titolo EMI al termine delle contrattazioni di giovedì scorso, 14 marzo.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.