Musical 'Let it be' dei Beatles, Paul McCartney è un italiano

Musical 'Let it be' dei Beatles, Paul McCartney è un italiano

Al Prince of Wales Theatre di Londra sono iniziate le preview di "Let it be", il musical sui Beatles. La "prima" ufficiale però è fissata per il prossimo 24 settembre. Paul McCartney è interpretato da un italiano.

Si tratta di Emanuele Angeletti, in passato una partecipazione ad "X Factor", il quale nel nostro Paese ha eseguito cover dei Beatles per quindici anni. "La pronuncia inglese ha un forte accento italiano", riporta Jennifer O'Mahony del "Daily Telegraph", "ma quando canta la sua voce è incredibilmente simile a quella di McCartney". Ma di Macca ne esiste un altro. Come del resto per gli altri tre: in tutto sono otto perché devono rappresentare le varie età dei Fab. L'altro Sir Paul è James Fox, un entertainer che ha allietato le truppe britanniche in Afghanistan ed Iraq per dieci anni, armato solamente di una chitarra acustica e dell'intero catalogo dei Beatles nella sua testa. "E' incredibile, ci sono soldati che hanno 18 anni e, quando sono nati, i Beatles si erano sciolti già da un bel pezzo. Eppure non passa una sera senza che uno di loro non mi chieda di fare 'Helter skelter'". "Let it be" copre il periodo "classico" dei Beatles, quello della effettiva esistenza 1962-1970. Lo show al Cameron Mackintosh’s Prince of Wales Theatre (Coventry Street, accanto a Leicester Square) dura due ore abbondanti. Eseguiti dal vivo vari brani, tra i quali "Twist and shout", "She loves you", "All my lovin'", "Yesterday", "Hey Jude", "Come together" e, naturalmente, "Let it be".











 Repliche almeno fino al 19 gennaio 2013.
 
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.