Altri licenziamenti a Napster: l'inattività pesa sui bilanci

Altri licenziamenti a Napster: l'inattività pesa sui bilanci
La guerra prolungata con le major musicali sta costando cara al sito di Shawn Fanning, e non solo in termini di spese legali e giudiziarie. Il blocco dell'attività legato alle cause pendenti in tribunale e alla difficoltà di coinvolgere le grandi case discografiche nel lancio della sua nuova versione autorizzata e a pagamento (vedi news) stanno incidendo pesantemente sul conto economico della azienda californiana, che si è vista costretta, la settimana scorsa, a licenziare il 10 % del personale. Attraverso un comunicato diramato nei giorni scorsi, l'amministratore delegato di Napster, Konrad Hilbers, ha precisato che la società prosegue le sue negoziazioni con le maggiori etichette discografiche, ma che nel frattempo ha avuto la “necessità di effettuare riduzioni di organico moderate e temporanee”: prima degli ultimi tagli, lo staff della società ammontava a poco più di 100 addetti.
Novità sul fronte della vertenza con le major sono attese per fine settimana, con la scadenza del termine concesso dal giudice Marilyn Hall Patel alle case discografiche per presentare una documentazione che ne attesti la proprietà effettiva dei brani messi in circolazione senza autorizzazione dal servizio di file sharing gratuito: se i diritti di proprietà reclamati dalle major non dovessero essere comprovati dai contratti portati in tribunale, l'intero processo intentato a Napster per violazione dei copyright verrebbe smantellato e gli unici soggetti autorizzati a rimetterlo eventualmente in moto sarebbero gli artisti potenzialmente danneggiati dallo scambio gratuito di musica in rete.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.