Grizzly Bear: 'Spotify? Non aiuta gli artisti, neanche le etichette o i negozi'

Grizzly Bear: 'Spotify? Non aiuta gli artisti, neanche le etichette o i negozi'

"Mog e Spotify non aiutano gli artisti, le etichette o i negozi di dischi indipendenti. Non ve ne facciamo una colpa, diciamo solo come stanno le cose dato che qualcuno ce l'ha chiesto".



I Grizzly Bear ricorrono a Twitter per esprimere il loro parere, non molto favorevole, sui servizi di streaming che stanno prendendo piede negli Stati Uniti e nel resto del mondo. Intavolando una discussione con un "follower", il quartetto indie rock di Brooklyn ha voluto precisare meglio la sua posizione: "Ascolta, ho un amico che lavora a Spotify, che offre un ottimo servizio al pubblico. Aiuta anche le band? Non più di quanto lo faccia scaricare musica da lim wire" (sic, si intende ovviamente LimeWire).

 

La spiegazioned del punto di vista del gruppo prosegue poi con altri tweet. Il primo: "La cosa più importante che gli amanti di Spotify dimenticano sono i negozi di dischi in via di estinzione,  una cosa speciale per una band,  un'etichetta e il negozio stesso". Il secondo: "Non stiamo dicendo che Spotify non serva a diffondere il passaparola. Ma le radio e i locali in cui si suona, quanto meno, guardano ai conteggi di YouTube. Con Spotify, non succede niente".  Il terzo: "Spotify può essere utile in termini di esposizione, ma dopo circa 10 mila ascolti riceviamo più o meno 10 dollari". Come noto, posizioni critiche nei confronti di Spotify sono state espresse anche da altri artisti come i Black Keys.



I Grizzly Bear (Edward Droste, Daniel Rossen, Chris Taylor e Christopher Beard) pubblicheranno la settimana prossima il loro quarto album di studio, "Shields", per la Warp Records.
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.