USA, Sony e Warner rinunciano alla vendita per corrispondenza

USA, Sony e Warner rinunciano alla vendita per corrispondenza
Il boom della musica on-line, il calo delle vendite di CD e la concorrenza esercitata da Bertelsmann (attraverso l'analogo servizio di mail order BMG Direct) avrebbero convinto le due major musicali e le loro capogruppo a disfarsi di Columbia House, il maggiore club di vendita per corrispondenza di dischi e libri esistente negli Stati Uniti. Secondo il Wall Street Journal, che per primo ha riferito la notizia, il possibile acquirente della quota di maggioranza in possesso di Sony e AOL Time Warner sarebbe il gruppo Blackstone, una banca d'affari che per rilevare il pacchetto di controllo della società di mail order pagherebbe una cifra compresa tra i 400 e i 500 milioni di dollari, 460/576 milioni di euro: un po' meno cioè del valore commerciale che lo stesso istituto di credito attribuisce all'impresa, in cambio della concessione alle due case discografiche di una quota residua di minoranza.
A dispetto delle difficoltà che ha dovuto affrontare di recente, gli analisti di mercato attribuiscono buone prospettive di crescita alla Columbia House, che può contare su un parco utenti ampio e consolidato (14 milioni di abbonati) e soprattutto cavalcare la crescita nel consumo di DVD: da alcune stime, risulta che già oggi le vendite di VHS e videodischi digitali assorbono circa la metà del giro d'affari annuo della società (1,1 miliardi di dollari, 1,266 milardi di euro).
Stando alle indiscrezioni raccolte dal Journal l'offerta avanzata da Blackstone avrebbe messo fuori gioco altri due potenziali acquirenti, tra cui un'alleanza finanziaria composta da Goldman Sachs e dall'imprenditore canadese Edgar Bronfman Jr., già numero uno della Seagram e della casa discografica Universal Music prima della fusione di quest'ultima con il gruppo francese Vivendi (vedi news). Bronfman, che si accinge ad abbandonare ogni incarico in Universal, ha ammesso di essere entrato in contatto con l'agenzia incaricata di mediare le contrattazioni su Columbia House ma ha declinato ogni ulteriore commento sulla vicenda.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.