Organizzatori di concerti e Siae firmano un accordo: sarà pace duratura?

Da una parte gli organizzatori di concerti, i grossi promoter che acquistano a pacchetti le date italiane delle superstar internazionali e i piccoli impresari che operano su base locale, accomunati da un astio atavico nei confronti dello stato sanguisuga e di funzionari-esattori che battono cassa implacabili per riscuotere i diritti d’autore e l’imposta sugli spettacoli. Dall’altra l’ente incriminato, la Siae, che si difende e contrattacca sostenendo di essere soltanto un intermediario che agisce per conto e interesse altrui (gli autori e lo stato appunto) nella doppia funzione che gli è propria.

Un rapporto da sempre conflittuale, una lunga odissea punteggiata di recriminazioni, polemiche, ripicche, interminabili discussioni.
Almeno fino ad oggi pomeriggio, 3 marzo 1998, quando direzione generale Siae e Assomusica (l’associazione nazionale dei produttori e organizzatori di spettacoli musicali) hanno annunciato ufficialmente la firma di un importante accordo destinato a regolare le tariffe dei compensi da versare agli autori in occasione degli spettacoli musicali dal vivo, con il duplice obiettivo di garantire il giusto compenso ai creatori delle opere musicali e di non complicare troppo la vita a chi vive di questo mestiere.

Tutto risolto, dunque? Non proprio, stando ai commenti a caldo raccolti presso qualche operatore qualificato, che ha definito l’accordo "mediocre" e "poco ambizioso".

Ma che comunque tira un sospiro di sollievo pensando che la lunga trattativa con la Siae, avviata nella primavera dello scorso anno, dovrebbe quantomeno servire a mettere ordine in una babele di regole e cavilli spesso intricati e incomprensibili e, auspicabilmente, ad uniformare la disciplina della materia evitando sperequazioni normative e differenze di trattamento sul piano territoriale. Proprio a questo dovrebbe servire la creazione di un comitato paritetico di prossima istituzione (formato da tre membri della Siae e da tre delegati Assomusica), destinato ad ammortizzare e risolvere eventuali conflittualità che dovessero verificarsi fra la Siae e la categoria a livello locale.


In un comunicato stampa diramato dalla Siae (che non precisa tuttavia i termini dell’accordo), i portavoce della società degli autori sottolineano che l’intesa annunciata oggi "dimostra come da tempo la politica della Siae sia quella della concertazione e del confronto positivo con tutti gli utilizzatori delle opere (musicali e non) affidate alla sua tutela, al fine di garantire al lavoro degli autori il giusto corrispettivo e, nello stesso tempo, contribuire alla semplificazione degli adempimenti connessi all’attività imprenditoriale di chi produce e organizza la musica dal vivo".
Sui contenuti del documento concordato dalle parti, tuttavia, non ci è stato possibile sapere per il momento molto di più (sembra che tra le questioni affrontate ci sia un forte impegno a ridurre il numero dei biglietti omaggio): torneremo sull’argomento nei prossimi giorni, quando ne verranno rivelati i dettagli.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.