Stevie Wonder fa ballare i politici americani

Stevie Wonder fa ballare i politici americani
Domenica scorsa, Stevie Wonder ha deliziato con la sua musica numerosi importanti politici americani, presenti alla serata di beneficenza al Ford Theatre di Washington D.C. Durante il galà, illustri rappresentanti dell’amministrazione americana, come il Presidente, George W. Bush, il leader della maggioranza al Senato, Tom Daschle, il Vice Presidente Dick Cheney e il segretario dei trasporti, Norman Mineta, hanno tenuto il tempo battendo le mani e accennando qualche timido ballo sulle note di "Superstition" e altri storici successi del cantante.“MC” della serata, l’attore Kelsey Grammar (noto per il film “15 minuti” e il telefilm “Frasier”).
L’annuale galà, raccoglie fondi per istituire programmi artistici nel Ford Theatre, il luogo dove è stato assassinato il Presidente Abraham Lincoln. L’ABC proporrà l’evento in tv il mese prossimo.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.