Scoperte dopo mezzo secolo le prime registrazioni di Ringo Starr

Scoperte dopo mezzo secolo le prime registrazioni di Ringo Starr

Non saranno forse le canzoni più attese del 2012, ma hanno sicuramente grande valore storico i brani scoperti, dopo oltre cinquant'anni, in uno scantinato di Liverpool. Si tratta delle registrazioni di Rory Storm and The Hurricanes, il gruppo in cui Ringo Starr militò prima di unirsi (1962) ai Beatles I pezzi, a quanto pare, sono tutti risalenti al 1960; i nastri erano in una scatola nella cantina della casa appartenuta ad Iris Caldwell, sorella di Rory.

Rory Storm era il nome d’arte di Alan Caldwell, morto nel settembre 1972 a soli 33 anni. Il 25 marzo 1959, in occasione di un concerto al Mardi Gras, la band vide l’ingresso di un batterista, un certo Richard Starkey (poi Ringo), proveniente dall’Eddie Clayton Skiffle Group. Il gruppo arrivò ad Amburgo il 1° ottobre 1960; i Beatles si esibirono numerosissime volte presso vari locali di Amburgo dall'agosto 1960 al dicembre 1962. Le registrazioni ritrovate, effettuate al Jive Hive di Crosby a nord di Liverpool e a casa di Rory, andranno a costituire un album. Iris ha detto: "Credo che questi nastri siano rimasti in una scatola sigillata da quando sono stati registrati".




Contenuto non disponibile







Pochi giorni fa si è saputo che Ringo capeggia l'elenco dei batteristi più ricchi stilato dal sito Celebritynetworth.com: il motore ritmico dei Fab Four potrebbe contare su un patrimonio stimato in circa 300 milioni di dollari. Alle sue spalle si sono piazzati Phil Collins, alle pelli nei Genesis, con 250 milioni e Dave Grohl, sullo sgabello nei Nirvana e ora a capo dei Foo Fighters, con 225.


 
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.