Conor Maynard, 'Contrast': 'Se lo ascoltate capite perché si chiama così'

Conor Maynard, 'Contrast': 'Se lo ascoltate capite perché si chiama così'

Contrasto è la parola d'ordine, quando si parla di Conor Maynard. Per vari motivi: il primo - e il più immediato - è per via del titolo del suo primo album, "Contrast", che esce in Italia il prossimo 18 settembre. La seconda ragione rimanda al perché di questo titolo: "E' la sensazione che si prova ascoltando il mio disco. Uno si aspetta l'ennesimo disco pop fatto da un ragazzino, ma non è così e lo si capisce solo sentendolo", ha spiegato il giovanissimo artista che ieri, martedì 4 settembre a chiamato a raccolta la stampa milanese; la terza, è legata alla diversità delle tracce "Totalmente differenti una dall'altra. Ci sono canzoni allegre, di puro divertimento e che fanno venire voglia di ballare. Altre invece più profonde e tranquille".
Poi c'è quel paragone che lo tallona sin dai primissimi passi nel mondo della musica, ovvero quello con Justin Bieber. A questo accostamento Conor non sembra dare troppo peso, riconoscendo con obiettività i numerosi punti in comune tra loro due: il fatto di essere entrambi molto giovani e veri e propri magneti per ragazzine agguerrite, pronte a presidiare qualsiasi luogo in cui poter trovare il loro beniamino; ma anche di aver, così giovani, alle spalle alcuni dei più importanti compositori, produttori e artisti dello scenario musicale attuale. Ne-Yo duetta con Conor nel brano "Turn around", per esempio, Rita Ora gli fa da spalla in "Better than you", Pharrell Williams ha curato la produzione artistica e la stesura dei brani insieme a Midi Mafia , Stargate e Frank Ocean. E proprio il leader dei N.E.R.D. ha detto di lui: "questo ragazzo cambierà la faccia della musica pop". Ma anche difronte a una simile affermazione, Conor ha agito con modesta autorinia, degna di nota: "Detto a un ragazzino che non ha nemmeno mai pubblicato una canzone, è un po' forte. Però, ovviamente, una frase del genere ti sprona. E' sicuramente un incentivo perché infonde molto coraggio e fiducia nelle proprie capacità".
Ancora alle prime armi e con un futuro ancora tutto da decidersi, il giovane artista di Brighton ha alle spalle un passato piuttosto singolare e degno di nota: il percorso seguito dal cantante per arrivare a bussare alle porte delle grandi major (è da poco entrato a far parte della scuderia EMI) è stato inconsueto, autogestito e (forse un po') agevolato dagli inspiegabili moti del web. Conor Maynard ha infatti iniziato a farsi un nome on line, cantando cover di Usher, Drake e Kings of Leon e pubblicando i clip su YouTube. Attualmente il numero delle visualizzazioni totali sulla piattaforma di video sharing è di 90.000.000, per dare un po' di numeri: "Non avevo un preciso piano quando ho iniziato. Lo facevo solo per divertimento. Usavo lo scotch per legare due microfoni insieme e poi al letto e così ho iniziato le prime registrazioni di cover che poi ho caricato su YouTube", ha spiegato lui, "Inizialmente i video li hanno guardati letteralmente tre persone, più precisamente io, mia mamma e mia nonna. Ma a un certo punto i numeri delle visualizzazioni delle mie cover sono impazziti. Penso che le persone abbiano iniziato a vedermi e rispettarmi come artista; volevano sentire me che facevo una cover perché erano diventati i miei fan e  non solo fan delle canzoni che ricantavo".
E pensare che la sua carriera era iniziata come attore...  

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.