Rolling Stones, nei negozi il 12 novembre il greatest hits 'Grrr!' con 2 inediti

Rolling Stones, nei negozi il 12 novembre il greatest hits 'Grrr!' con 2 inediti

Hanno trovato effettivo riscontro le ipotesi fatte da Rockol lo scorso venerdì circa le prossime mosse discografiche dei Rolling Stones, impegnati pochi giorni fa in uno studio parigino in compagnia dello storico produttore Don Was: la band capitanata da Mick Jagger e Keith Richards pubblicherà il prossimo 12 novembre un greatest hits monstre che includerà, a seconda delle versioni, dallle 50 alle 80 canzoni.

"Grrr!", questo il nome della raccolta, sarà impreziosita da due brani inediti, frutto delle recenti session parigine in compagnia di Chuck Leavell alle tastiere e Darryl Jones al basso, ovvero “Gloom and doom” e “One last shot”, che hanno visto per la prima volta dal 2005 - anno di pubblicazione di "A bigger bang" - ritrovarsi nello stesso studio Mick Jagger, Keith Richards, Charlie Watts e Ron Wood.

Il cofanetto sarà reso disponibile sul mercato in cinque differenti formati: la versione base, che includerà nella tracklist 50 brani, comprenderà tre CD, ai quali si aggiungerà un DVD, un libro di 36 pagine con copertina rigida e 5 cartoline per la "deluxe edition". Decisamente più ampi i contenuti della "super deluxe edition", che - forte di una tracklist da 80 brani distribuiti in 4 CD - offrirà anche un vinile 7 pollici oltre che al libro e alle cartoline, raccolte in una confezione speciale. Per gli amanti del vintage non mancherà un cofanetto con 5 vinili da 12 pollici, con una tracklist, però, limitata ai 50 brani dell'edizione base.

Tra le canzoni presenti nell'antologia, non mancheranno la storica versione di “Come on” di Chuck Berry, il primo singolo degli Stones pubblicato nel 1963, passando per “The last time”, “(I can’t get no) Satisfaction”, “Get off of my cloud”, “Jumping Jack Flash”, “Honky tonk women”, “Brown Sugar”, “Tumbling Dice”, “Miss You” fino a “Start me up”.

L'artwork del cofanetto è stato curato da Walton Ford, classe 1960, artista americano già membro della John Simon Guggenheim Memorial Foundation e premiato dal National Endowment for the Arts americano.

Contenuto non disponibile


Al momento, tuttavia, non si hanno notizie delle due residency che, secondo indiscrezioni riferite la scorsa settimana dalla branca industriale online di Billboard, billboard.biz, vorrebbero gli Stones impegnati per quattro concerti tra Londra e New York nel corso del prossimo settembre: a curare l'operazione dal vivo, sempre secondo quanto emerso, dovrebbero essere il magnate Richard Branson, fondatore del gruppo Virgin (che ha recentemente ammesso di voler tornare ad occuparsi di discografia), e il promoter australiano Paul Dainty, che avrebbe di fatto scalzato lo storico collaboratore del gruppo Michael Cohl, agente live del gruppo dal 1989. "E' una questione che sta venendo trattata con rigore a dir poco militare", confesso un (ovviamente anonimo) insider all'edizione statunitense di Rolling Stone circa le eventuali future apparizioni dal vivo di Jagger e soci: "Nessuno che conosca si sarebbe azzardato a lasciarsi scappare una parola".

Dall'archivio di Rockol - Quella volta che i Rolling Stones subirono un attentato terroristico...
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.