USA, gli esperti del governo fissano le tariffe per la musica on-line

Il comitato di esperti a cui l’Ufficio Copyright statunitense aveva affidato l’incarico di elaborare un tariffario per il pagamento dei diritti di broadcasting on-line ha finalmente espresso le sue indicazioni, ponendo la prima pietra di paragone per i contratti che da qui in avanti verranno siglati tra Webcaster e industria discografica (in Italia l’agenzia di collecting SCF ha firmato già da tempo un accordo con un’associazione del settore radiofonici per i simulcast, ovvero i programmi radiofonici musicali che contemporaneamente e senza variazioni vengono diffusi su Internet, vedi news.

Come consentito dalla nuova legge americana sul copyright che prevede licenze obbligatorie in caso di disaccordo contrattuale tra le parti, il Copyright Arbitration Royalty Panel (CARP, questo il nome della commissione di nomina governativa) ha fissato in 7 centesimi di dollaro (otto centesimi di euro) la tariffa fissa dovuta per ogni brano trasmesso in simulcast e in una cifra doppia, 14 centesimi di dollaro(16 centesimi di euro) la "fee" dovuta sui pezzi destinati esclusivamente alla diffusione via Internet (i webcast veri e propri). Le tariffe sono più basse per le imprese di broadcasting che non hanno carattere commerciale, mentre una licenza globale di trasmissione in rete non potrà costare alle emittenti meno di 500 dollari.

A dispetto della loro volontà di dirimere la questione "in famiglia" con le radio, evitando l'intervento di un comitato super partes (è di pochi mesi fa un appello inoltrato da entrambe le categorie all'Ufficio Copyright andato però disatteso, vedi news), le case discografiche americane hanno espresso soddisfazione per le decisioni prese dal comitato, che ha fissato tariffe assai superiori a quelle proposte inizialmente dalle radio on-line e dai Webcaster.

Secondo Hilary Rosen, presidente dell'associazione di categoria RIAA, entrambe le categorie “saranno in grado di far fronte alle somme richieste e di fare business su Internet”. Ma c’è chi la pensa in modo contrario e sostiene che le tariffe imposte dal CARP metteranno fuori gioco le emittenti indipendenti di piccole dimensioni, soprattutto quando saranno fissati, in un secondo momento, gli importi dovuti retroattivamente per le trasmissioni musicali on-line. .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.