Mosca, la polizia alla ricerca delle altre Pussy Riot. Che diventano un brand

Mosca, la polizia alla ricerca delle altre Pussy Riot. Che diventano un brand

Non solo Yekaterina Samutsevich, Maria Alyokhina e Nadezhda Tolokonnikova, le tre componenti principali delle Pussy Riot condannate lo scorso venerdì dal tribunale di Mosca per vandalismo ispirato da odio religioso per la protesta antigivernativa tenuta lo scorso febbraio presso la cattedrale di Cristo Salvatore, nell'ex capitale sovietica: la polizia russa sarebbe alla ricerca delle altre aderenti al collettivo punk moscovita, che a poche ore dalla condanna delle sue tre esponenti più in vista ha diffuso sul Web un nuovo singolo, "Putin is lighting the fires of revoluion".

Le autorità, per il momento, non hanno specificato quante siano le persone ricercate, né quali siano i capi di imputazione pendendi sulle loro teste: secondo indiscrezioni, sarebbero circa una decina le attiviste nel mirino degli investigatori, che - per stanarle - oltre a esaminare i filmati del blitz di febbraio, avrebbero intenzione di creare un clima di pressione nel "giro" del collettivo, aspettando che un anello debole ceda e permettendo così l'identificazione e la cattura delle sospettate.




Programma, quello della polizia russa, che non convince affatto Mark Feigin, parte del collegio difensivo del gruppo, che ritiene come la ricerca di persone non identificate - durante la manifestazione di protesta tutte le ragazze intervenuto avevano il viso coperto - contribuisca solo a creare un clima di terrore utile solamente a far cessare le proteste per la condanna alle sue assistite: "Se metti una persona non identificata nella lista dei sospettati, allora puoi arrestare chiunque indossi un passamontagna colorato".

Contestualmente, lo stesso Feigin ha reso noto di aver avviato già lo scorso aprile l'iter per fare diventare il nome "Pussy Riot" un marchio depositato: ai quotidiani russi più filo-governativi che hanno parlato di "capitalizzazione della pena" inflitta alle tre elementi del gruppo, l'avvocato ha risposto di aver scelto di ricorrere al provvedimento per evitare che la sigla del gruppo possa essere associata a speculazioni o a iniziative non autorizzate.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.