Robbie Williams obbligato a cedere il 25% degli incassi di una sua canzone

Robbie Williams obbligato a cedere il 25% degli incassi di una sua canzone
Sentenza della High Court di Londra: Robbie Williams ha sia vinto sia perso. Nella causa intentata al cantante, al suo partner musicale Guy Chambers ed all’etichetta EMI da parte dell’editore USA Ludlow Music per il caso di plagio della canzone “Jesus in a camper van”, Williams se l’è cavata. La Ludlow, come riportato anche in altre notizie di Rockol, alcune di parecchio tempo fa, asseriva che “Jesus…” era stata copiata da un brano del quale deteneva il copyright, “I am the way” di Woody Guthrie. Il giudice Justice (nomen omen) Pumfrey, con una salomonica sentenza, ha stabilito che la Ludlow ha diritto al 25% degli incassi generati da “Jesus…”, canzone contenuta nell’album “I’ve been expecting you” del cantante di Stoke. Qualora il giudice avesse accolto le richieste della parte lesa, Williams avrebbe dovuto sborsare il 100%.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.