Sanremo: Shola Ama e Backstreet Boys una spanna sopra tutti. Tra i giovani, le giurie premiano Lisa, Eramo & Passavanti e Percentonetto

Terza serata di gara e doccia scozzese per quel poco di rock che c’è a Sanremo.

Lisa vola tra i preferiti delle nuove proposte mentre in fondo rimangono Alessandro Pitoni e Luciferme. Ma andiamo per ordine. Aprono le ostilità Paola e Chiara, che guadagnano qualche punto con la loro "Per te", mentre non altrettanto si può dire per Nitti & Agnello. Antonella Ruggiero è impeccabile nella sua esecuzione di "Amore lontanissimo" e Alessandro Pitoni mette in mostra una indiscutibile stoffa di interprete, anche se il pezzo non è alla sua altezza. Prima interruzione primo ospite straniero: arriva Shola Ama con la sua "You’re the one I love" ed è subito un’altra cosa. Stile, bellezza e classe per un pezzo di r&b sofisticato ma anche facile, tutto da ballare. Si torna alle canzoni del Festival e non è un bene. La Nuova Compagnia di Canto Popolare, per inconvenienti tecnici, canta due volte la sua "Sotto il velo del cielo", pezzo che nell’andamento armonico assomiglia molto ma molto a "Muoio per te" della premiata ditta Zucchero & Sting. Reazioni scarse. Paola Folli canta "Ascoltami" ma sono in pochi a darle retta. Mango e Zenima scorrono via come se niente fosse mentre l’attacco di "Il soffio" richiama un po’ d’attenzione sul passaggio dei Luciferme. E’ ormai il momento tanto atteso e sul palco del Festival, preceduti dal loro grido di guerra "Everybody", arrivano i Backstreet Boys. Si parte con "As long as you love me", tra urla d’isteria delle fans e una regia televisiva in evidente affanno, incerta se dare la precedenza al canto o alle lacrime delle ragazzine in platea e, nel dubbio, si perde l’unico spettacolo che sta nelle coreografie disciplinate dei cinque Boys. "All I have to give" è il secondo e ultimo pezzo proposto dal quintetto, salutato da grandi ovazioni. Si torna al Festival con Enzo Jannacci, ma la canzone non è delle sue migliori, mentre con Lisa si torna all’indifferenza Alex Baroni scopre le carte e mette in mostra un brano tutto sommato ordinario, con il break di basso che cita palesemente "Lessons in love" dei Level 42. "Senza confini" di Eramo & Passavanti mette in mostra le loro qualità e, a giudicare dall’applauso della sala stampa, rischia di candidarli ad un premio della critica. Ecco i Percentonetto di Marco Morandi con il loro simpatico motivetto pop "Come il sole", e a seguire Ron, che propone per la seconda volta al pubblico sanremese "Un porto nel vento". Gran finale con Alvaro Scaramelli, vincitore del Festival cileno di Viña del Mar, gemellato con quello di Sanremo, con la sua "Soy tal cual soy", pezzone in tipico stile Pausini che ci fa rivalutare d’improvviso il nostro Festival. Si chiude con la classifica provvisoria delle nuove proposte: la spunta Lisa, seguono Eramo & Passavanti, Percentonetto, Nitti & Agnello, Paola Folli, Alessandro Pitoni e chiudono i Luciferme, a dimostrazione che il rock a Sanremo continua a non essere di casa. (26 febbraio 1998) .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.