Tommy Boy costretta a 'svendere' alla Warner?

Tommy Boy costretta a 'svendere' alla Warner?
Ore drammatiche per la Tommy Boy di Tom Silverman (l'etichetta di De La Soul, Everlast e Masters At Work ), stando a quanto riporta il New York Daily News: falliti i tentativi di trovare nuovi finanziatori, la indie newyorkese si appresta a cedere al gruppo Warner Music il restante 50 % del pacchetto azionario (vedi news), insieme con la maggior parte del suo catalogo e del suo roster di artisti (ad un prezzo “stracciato” che la stampa USA stima in meno di 10 milioni di dollari, un decimo della valutazione di cui l'etichetta godeva nei momenti di massimo fulgore). A Silverman restano i diritti di sfruttamento del nome Tommy Boy nonché una manciata di – non meglio precisati – contratti artistici. Secondo quanto riporta il quotidiano newyorkese, quasi tutti gli 80 dipendenti della società sono destinati a perdere il loro posto di lavoro.
In Italia il catalogo americano è attualmente distribuito dalla Edel.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.