Cresce il mercato inglese, l'industria ringrazia Dido e Robbie Williams

Gran Bretagna sugli scudi: non proprio come la Francia, ma quasi. Come i risultati trimestrali dell’ultimo scorcio dell’anno avevano preannunciato, il 2001 si è chiuso per l’industria discografica inglese con i migliori risultati di sempre, in valore assoluto, e con un ulteriore balzo in avanti del fatturato (+ 5,3 %) tanto più significativo se rapportato alla situazione stagnante o disastrosa, secondo i casi, di quasi tutti i principali mercato mondiali.

Il ruolo di salvatrice della patria spetta soprattutto a Dido, il cui “No angel”, oltre a collezionare riconoscimenti in tutta Europa ha raccolto vendite superiori ai 2 milioni di copie in Inghilterra: l’eterea cantautrice, scortata da Robbie Williams, guida un drappello di gruppi e solisti che hanno tenuto alta la bandiera nazionale aggiudicandosi i primi sette posti tra gli album più venduti dell’anno.
In un mercato tradizionalmente votato ai singoli,le vendite milionarie di Shaggy e delle debuttanti pop star Hear’Say non sono bastate invece a frenare l’ulteriore flessione del supporto. Per la prima volta, informa l’organizzazione di categoria BPI (British Phonographic Industry), il contributo dei CD singoli al fatturato industriale è stato inferiore al 10 % dell’industria britannica. Sembrano lontani gli anni ’80, quando le vendite dei mix e dei 45 giri assorbivano stabilmente oltre il 20 % del giro d’affari delle case discografiche inglesi (il picco storico risale al 1984, uno degli anni d’oro del techno pop britannico, con il 23,9 %): ora a farla da padrone sono tornate evidentemente le compilation.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.