Il 2001 di Vivendi Universal: bene il cinema, la musica così così

Sono state pellicole come “Jurassic Park 3” e “The mummy returns” (più il “blockbuster” francese “Brotherhood of wolf”, finanziato dalle strutture produttive della controllata StudioCanal) a siglare positivamente l'anno della holding transalpina: che è risultata assai meno brillante, invece, sul fronte delle vendite di dischi a dispetto della sua posizione di leader incontrastata di mercato. Il tracollo della regione latinoamericana (- 20 %) e la crescita zero negli USA hanno determinato una flessione dell'1 % nel fatturato musicale del gruppo (6,560 miliardi di euro), controbilanciata da una sostanziale tenuta in Europa (+ 3 %) e da una forte crescita nel settore delle edizioni (+ 11%). A dispetto del calo di prestazioni, sottolineano i portavoce dell'azienda, un disco su 5 (originali) venduti nel mondo reca oggi il marchio Universal, mentre il rapporto sale a uno a quattro negli Stati Uniti e a uno a tre in Francia.
Con la musica a segnare il passo, i successi di stagione al box office cinematografico hanno consentito comunque all'azienda guidata da Jean-Marie Messier di incamerare un risultato globale decisamente positivo, + 9 %, per la sua divisione media e comunicazioni (28,9 miliardi di euro): quanto basta per non dover ritoccare le proiezioni che riguardano l'anno in corso e che si assestano su un incremento di fatturato superiore al 10 %.
Ciò nonostante, sul mercato azionario la società non si è comportata altrettanto bene (vedi news), subendo un tracollo (- 21,6 %) in Borsa dall'inizio dell'anno. Tanto da indurre Messier a rivolgere un messaggio ufficiale ai suoi dipendenti per rassicurarli sulla solidità economico-finanziaria dell'azienda e sulla chiarezza dei suoi obiettivi strategici: a questo proposito, il boss di Vivendi Universal ha ribadito che la società non è alla caccia di nuove acquisizioni, smentendo le voci di un suo interessamento a Yahoo!, MGM e gruppo Kirch.
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Claudio Buja (presidente Universal Music Publishing)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.