NEWS   |   Industria / 08/02/2002

Londra, l'ex manager degli Stones perde la causa con Sanctuary e Charly

Londra, l'ex manager degli Stones perde la causa con Sanctuary e Charly
Il celebre Andrew Loog Oldham, che negli anni ’60 fu il factotum, procacciatore d’affari e “lookologo” dei Rolling Stones (fu lui a studiare per il gruppo l’immagine da “cattivi ragazzi” da contrapporre alla faccia pulita dei Beatles) è uscito sconfitto da una vertenza che lui stesso aveva sollevato due anni fa, rivendicando diritti esclusivi su un vasto catalogo di incisioni storiche ad opera di artisti come Eric Clapton, Sam Cooke, Fleetwood Mac, Peter Frampton, Nico, Jimmy Page, Small Faces, Rod Stewart e molti altri
Il materiale di cui Loog Oldham reclama la proprietà abbraccia il periodo compreso tra il 1965 e il 1970 e venne pubblicato all’epoca dall’etichetta di cui era contitolare, la Immediate Records, oggi di base nel Connecticut: ma il tribunale ha dato ragione ai suoi oppositori, le società inglesi Charly Acquisitions Ltd, Charly Trademarks Ltd e Sanctuary Copyrights Ltd, che hanno attinto in passato allo stesso repertorio per realizzare una serie di compilation e album antologici.
Non solo: a titolo precauzionale in vista di un’udienza che lunedì prossimo, 11 febbraio, dovrà stabilire l’entità delle spese legali e processuali, i giudici hanno congelato 125 mila sterline del suo patrimonio personale, consentendogli di attingere alle sue sostanze solo per le spese correnti, fissate in 1.692 dollari settimanali, e per coprire le proprie spese legali fino ad un massimo di 14 mila dollari.
Loog Oldham, che oggi ha 58 anni e vive a Bogotà, in Colombia, si è detto sorpreso e rammaricato delle decisioni del tribunale ma ha rinviato ogni commento ufficiale all’esito della prossima udienza.
Scheda artista Tour&Concerti
Testi
BEATLES
Scopri qui tutti i vinili!