USA, editori e discografici ancora in lotta per le royalty sulla musica on-line

Vale di più un disco o una canzone? O, per dirla in altri termini, a chi spetta la fetta più grossa degli introiti derivanti dalla musica on-line, tra le categorie degli artisti/case discografiche e quelle degli autori/editori musicali? La questione torna al centro dell’attenzione dopo che le organizzazioni degli autori statunitensi ASCAP e BMI hanno inoltrato una nuova memoria all’Ufficio Copyright statunitense, rivendicando una quota di royalty più elevata per i propri associati sui Webcasting e gli altri tipi di sfruttamento della musica in rete. Secondo la tesi sostenuta dalle case discografiche, invece, il primato (e la fetta di guadagni più sostanziosi) spetterebbe alla musica registrata in quanto motore dell’intero mercato musicale ed anche in considerazione del fatto che la maggior parte degli autori di successo oggi incidono regolarmente dischi a proprio nome. Sulla questione, e sui tassi di royalty dovuti all’una e all’altra categoria (nonché alle aziende che ne amministrano i diritti) dovrà decidere al più presto un collegio arbitrale nominato dal governo, il Copyright Arbitration Royalty Panel.
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Roberto Razzini (Warner Chappell Music Italia)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.