Sanremo: secondo ascolto, ma cambia poco. Canzoni in gran parte mediocri, al Festival è calma piatta: la Minetti in testa

Sanremo: secondo ascolto, ma cambia poco. Canzoni in gran parte mediocri, al Festival è calma piatta: la Minetti in testa
Il beneficio d’inventario adottato ieri non è di grande aiuto questa sera: dopo il secondo ascolto di parte dei brani, non sono molte le canzoni che hanno guadagnato punti. Il brano di Spagna è il solito, quello di Costa non convince, quello di Paola Turci non va da nessuna parte. Federico Stragà non buca neanche l’ascolto, Sergio Caputo ci regala un riff merengue tutto sommato abbastanza scontato e Liliana Tamberi fa la rockettara ma s’impantana nella canzone. Meglio di ieri Niccolò Fabi, che canta molto bene e lascia girare il brano, mentre i Taglia 42 a tratti sembrano piacevoli. Il pezzo degli Avion Travel rimane ostico anche al secondo ascolto mentre il tormentone di Annalisa Minetti (in testa tra le nuove proposte e indicata da molti come la probabile vincitrice del Festival) è quasi imbarazzante in quanto a banalità. Mingardi guadagna qualche punto con la sua "Canto per te", Serena C è senza infamia e senza lode mentre Silvia Salemi ha un testo inesistente. Luca Sepe infine, ci riporta alla melodia più classica (ma non è un bene...) e chiude la serata di gara così come era partita, senza brividi. Tra gli ospiti stranieri semaforo verde per Robbie Robertson e il suo ensemble di Nativi Americani: "Unbound" è un brano splendido, eseguito e cantato con grande maestria, l’unico momento veramente toccante della serata. Le All Saints cantano "Never Ever", canzoncina minimale tanto nella struttura che nelle coreografie, a dire il vero sin troppo povere, mentre Michael Bolton, abolito da qualche tempo il capello ‘truciolato’ con cui amava farsi fotografare tempo addietro, si esibisce prima in "Safe place from the storm", tipico esempio del suo black-pop energetico, e poi, per la gioia di tutti i presenti, nella patriottica "Nessun dorma" che tanto gli aveva portato fortuna nel corso di un Pavarotti International di due anni fa. Tutti in piedi per gli applausi e allora Bolton ci regala un bis dell’aria pucciniana. In volata arrivano i risultati relativi alle nuove proposte: prima nella classifica parziale è Annalisa Minetti, seguita da Luca Sepe, Taglia 42, Serena C, Federico Stragà, Costa e Liliana Tamberi. Baci, abbracci, Viva l’Italia e tutti a nanna. O, se volete, al Dopofestival.....in ogni caso l’appuntamento con gli altri cantanti è per domani sera.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.