Comunicato Stampa: Paulina Rubio a Sanremo

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.


Dopo milioni di album venduti in tutt’America (Messico, USA, Centro e Sud America) ed in Spagna, dove il suo omonimo disco “Paulina” è ormai pluri-disco di platino, conquista anche l’Italia il fenomeno Paulina Rubio, ormai conosciuta al grande pubblico come Paulina, la “chica dorada”, già affermata ed acclamata attrice di fiction televisive, corteggiata dai più famosi registi latini.
Dopo il primo singolo “Lo Haré Por Ti”, arrivato ai primi posti dell’airplay in Italia, il secondo singolo “Y Yo Sigo Aqui” ha fatto breccia nelle radio italiane restando nella Top 10 dell’airplay per ben quattro mesi diventando uno dei tormentoni dell’autunno/inverno.
Numerosi gli articoli pubblicati sulle principali riviste musicali e non solo, di tutto il mondo, Italia compresa (di particolare rilievo la cover-story a lei dedicata da “Rolling Stone” ed. spagnola sul numero di luglio dello scorso anno), nonchè le molteplici apparizioni televisive nell’arco dell’estate e dell’autunno/inverno, tra cui le più recenti a “Torno Sabato” e l’esilarante partecipazione a “Striscia La Notizia”.

Paulina Rubio è stata candidata a ben 3 Grammy Awards Latini come miglior artista femminile, miglior album con “Paulina” e miglior singolo dell’anno con “Y Yo Sigo Aqui” (Awards mai più assegnati a causa dei terribili eventi verificatisi negli USA l’11 settembre 2001).
Se dunque fino a pochi mesi fa il suo era forse un nome nuovo per il pubblico non di lingua spagnola, oggi si può con certezza affermare che Paulina è una delle star latine più affermate e conosciute del pianeta: il suo ultimo album ha già venduto più di tre milioni di copie.
Ora che la sua carriera sta per compiere una nuova svolta, con la registrazione del suo primo album in inglese, Paulina arriva anche al Festival di Sanremo per consacrarsi definitivamente al grande pubblico.
Un album, quello in inglese, in uscita a metà giugno contemporaneamente in tutto il mondo, che la vede lavorare accanto ad alcuni dei più quotati produttori del mondo, tra cui Estefano, già produttore di “Paulina”.
“Incidere un album in inglese mi sembrava il passo più logico da fare,” afferma Paulina, che oltre allo spagnolo, sua lingua madre, parla l’inglese fin dall’infanzia. “Il mondo diventa sempre più piccolo e la gente si lascia trascinare dagli stessi ritmi in tutto il globo. A mio avviso, la musica parla comunque un linguaggio universale.”

NOTE BIOGRAFICHE

Nata in Messico, Paulina viene da una famiglia marcatamente cosmopolita. I suoi bisnonni erano originari della Spagna e del Portogallo, e fin da piccola era solita trascorrere due o tre mesi all’anno in Europa, in visita ai parenti. Il resto dell’anno risiedeva in Messico e a Los Angeles. “Il luogo che io chiamo casa è davvero quello in cui mi trovo in quel momento,” spiega. “Riesco a essere felice quasi ovunque.”
Sua madre, Susana Dosamantes, è una famosa attrice messicana, e sembrano non esserci mai stati dubbi che anche Paulina fosse destinata a far parte del mondo dello spettacolo. “Credo che ce l’avessi nel sangue, perché non ricordo mai di aver desiderato fare altro,” conferma. “Mia madre racconta di avermi fatto ascoltare tantissima musica ancora prima che nascessi, quando ero nel pancione.”

La sua storia artistica inizia presso la più prestigiosa scuola a orientamento artistico del Messico, alla quale viene iscritta dalla madre. Debutta giovanissima come attrice e a otto anni fa la sua prima esperienza in studio di registrazione, entrando a far parte del gruppo “teen pop” Timbiriche, nel quale rimarrà per quasi un decennio. Con l’espandersi dei suoi interessi musicali, tuttavia, nel 1991 è pronta a lanciare la propria carriera da solista.
Sceglie di farlo registrando in Spagna, un paese che conosce bene per via dei suoi legami familiari. Il suo primo album, La Chica Dorada, prodotto da Miguel Blasco, conquista il disco di platino e tre dei singoli che ne vengono tratti “Mio”, “Amor de Mujer” e “Sabor a Miel”, raggiungono il primo posto in classifica.
Due anni dopo, nel 1993, torna in Spagna per registrare il suo secondo album, 24 Kilates, di nuovo con Blasco come produttore. L’album replica il successo del debutto, soprattutto in Messico, sull’onda di una nuova serie di singoli che si trasformano in hit.
Per il terzo album, Paulina decide di cambiare. “Registrare in Spagna è stato fantastico. È un paese che amo moltissimo,” confida. “Ma registrare in luoghi diversi è un motivo d’ispirazione.” Decide dunque di registrare El Tiempo es Oro a Miami, dove tuttora risiede quando non è in tournée. L’album, pubblicato all’inizio del 1995, è un altro grande successo in tutto il mondo di lingua spagnola.
Contemporaneamente, Paulina è molto richiesta come attrice. Prende parte a una soap opera, a una trasmissione televisiva in Spagna e a un film, Besame en la Boca. La musica rimane il suo principale interesse e tiene una lunga serie di spettacoli in America, rispettando impegni che le impediscono di tornare in studio prima del 1998, quando firma un contratto discografico con la Universal.
“Sono una ragazza devota alla musica e cantare ed esibirmi è la mia passione più grande,” dichiara. “È stato bello girare dei film e fare l’attrice. Ma ora ho smesso per concentrarmi totalmente sulla musica. Cantare è la mia vita.”
Insieme con l’autore Estefano, dedica un anno alla lavorazione del nuovo album. Il risultato è Paulina, pubblicato inizialmente in Messico nel maggio del 2000. Da allora, l’album ha infiammato tutto il mondo latino, conquistando più dischi di platino in Messico, negli Stati Uniti e in Spagna, e dischi di platino e oro nella maggioranza degli altri paesi del Centro e Sud America. A oggi sono quattro le hit tratte dall’album, che da oltre un anno resiste nella classifica statunitense Billboard dedicata alla musica latina.

“Agli inizi della mia carriera mi veniva sempre imposto che cosa cantare. Questo album invece è un lavoro molto più personale. Amo mescolare ritmi diversi e ho avuto la possibilità di farlo,” afferma. “L’intenzione era quella di proporre una compilation di stili diversi ispirati dalla musica degli ultimi 100 anni. È come se in tutti questi anni mi stessi preparando a questo momento. Mi sento come liberata.”
Nell’album Paulina interpreta canzoni pop, Latin, rock, funk, techno e ballate con la medesima convinzione. È un approccio eclettico che riflette perfettamente i suoi gusti musicali – l’elenco dei suoi cantanti preferiti spazia da Maria Callas a Madonna, da Jewel a Lauryn Hill. “Amo anche il rock, dai Beatles ai Red Hot Chill Peppers,” aggiunge. “Mi piace ascoltare di tutto.”
Paulina è a oggi l’espressione più personale della Rubio donna. Ma il prossimo album, promette, sarà ancora più autobiografico. “La mia musica è adatta alle persone di ogni età, ma quando canto una canzone ho bisogno che abbia un legame con quella che è la mia vita.”
“E c’è un messaggio speciale per le donne, nella mia musica. Io vengo da una famiglia di donne forti e ricordo che mia nonna mi ammoniva di non diventare mai una vittima della vita. Io canto la donna nuova, la donna del nuovo secolo.”
E Paulina Rubio è proprio questo! La stella nascente della musica latina, già soprannominata dai media americani la “principessa azteca”, la “Madonna latina”, con una lunga serie di successi già alle spalle, ha appena cominciato il nuovo e più eccitante capitolo della sua carriera…
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.