Nick Oliveri (ex QOTSA) patteggia: non andrà in carcere

Nick Oliveri (ex QOTSA) patteggia: non andrà in carcere
Nick Oliveri, ex bassista di Kyuss, Queens Of The Stone Age e Mondo Generator, non andrà in carcere. Il musicista fu arrestato il 20 luglio del 2011 dopo una chiamata alla polizia della sua ex compagna, con le accuse di violenza domestica, sequestro di persona e resistenze a pubblico ufficiale. In seguito ad una perquisizione dell’abitazione fu successivamente accusato anche di possesso di cocaina, metanfetamina e di arma da fuoco carica. Il rischio per Oliveri era quello di vedersi comminare ben quindici anni di carcere.Il musicista ha quindi deciso per il patteggiamento, evitando così la ‘gattabuia’, ma ricevendo comunque tre anni di condanna alla libertà vigilata, 200 ore di servizi sociali e 52 settimane di terapia presso un centro per la gestione della rabbia. Il suo avvocato ha dichiarato: “Mr. Oliveri ha accettato di dichiararsi colpevole del reato di possesso di cocaina, in cambio della cancellazione delle restanti accuse”. Oliveri fu espulso nel 2004 dai Queens of the Stone Age: il leader Josh Homme, inizialmente restio a confessare le ragioni dell'allontanamento, ammise tempo dopo di averlo licenziato per i suoi problemi caratteriali.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.