Sony ridimensiona la S4

Sony ridimensiona la S4
La voce, che circolava da prima di Natale, ha trovato conferma: la S4, società del gruppo Sony Music, ridimensiona drasticamente organico e strutture subendo un processo di revisione il cui risultato più probabile, al momento attuale, sembra essere l’assorbimento dell’etichetta all’interno delle strutture Sony e il conseguente trasferimento di uno staff ridotto presso i quartieri generali della multinazionale giapponese, in via Amedei a Milano (al momento la S4 è ubicata presso la sede staccata di via Lampedusa, sempre a Milano).
Al telefono con Rockol, il managing director (e azionista di minoranza) della casa discografica, Roberto Magrini, conferma che l’ipotesi, insieme ad altre opzioni, è attualmente al vaglio dei vertici Sony: “Ma – aggiunge – nessuna decisione definitiva in merito è stata ancora presa: stiamo ancora valutando la situazione in tutti i suoi aspetti”.
I tagli all’organico (diversi dipendenti, incluso il direttore marketing Maurizio Cercola, avrebbero conosciuto il loro destino solo all'inizio di questa settimana e avrebbero già lasciato l’azienda) sono da imputare, secondo Magrini, alla situazione di crisi in cui versa l’intero settore: “Tutta la discografia mondiale attraversa una fase di ripensamento e ristrutturazione. Purtroppo sono le condizioni attuali del mercato, e soprattutto le sue prospettive future, a spingerci in questa direzione”. “Nel 2001 – aggiunge il direttore generale della S4 – abbiamo pagato il fatto di non avere avuto nuovi album di Mina e Celentano da distribuire sul mercato, tuttavia la flessione di fatturato è stata contenuta: oggi, però, anche quando si hanno in mano dei best seller il problema non è rappresentato tanto dai volumi di vendita quanto dai margini operativi che restano nelle casse delle aziende”. Secondo Magrini, un eventuale accorpamento della S4 nella capogruppo Sony non dovrebbe invece comportare problemi nei riguardi delle etichette distribuite o gestite in licenza, come il Clan di Celentano e la PDU di Mina.
La S4 fa parte del gruppo Sony Music dal luglio del 1999, quando la casa discografica presieduta da Franco Cabrini acquisì gli interessi discografici (e parte dei diritti editoriali) della RTI Music, allora di proprietà Mediaset (vedi news); poco dopo, il cambio di ragione sociale e l’introduzione del nuovo acronimo, destinato a identificare la quarta unità operativa della major al fianco di Columbia, Epic e divisione special marketing. Nel roster attuale dell’etichetta (che gestisce in Italia il repertorio Sony di fonte europea extrabritannica, il catalogo inglese Cooking Vinyl e, in distribuzione, marchi italiani come NAR e Baby Records) figurano artisti come Massimo Ranieri e Michele Zarrillo, i belgi Hooverphonic e la cantautrice statunitense Ani DiFranco, su licenza dell’etichetta Righteous Babe.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.