Ticketmaster costretta a licenziare nonostante i risultati in ripresa

La società statunitense, nata lo scorso anno dalla fusione di Ticketmaster Corp. (leader nella vendita elettronica di biglietti per spettacoli e concerti) con Ticketmaster Online-Citysearch (guida Internet su servizi, attrazioni turistiche, locali e ristoranti nelle città americane) ha ridotto il suo disavanzo netto di gestione del 28 % (a un totale di 164,4 milioni di dollari annui) in virtù di un incremento nel fatturato e nel flusso di cassa conseguito nell'ultimo trimestre: non abbastanza però da evitare un'ondata di licenziamenti che, ha annunciato il management alla stampa americana, colpirà 111 addetti al servizio di informazione cittadina on-line gestito dall'azienda di Los Angeles.

Il gruppo Ticketmaster fa capo alla USA Networks di Barry Diller, che recentemente (vedi news) ha ceduto le sue attività nel settore televisivo alla francese Vivendi Universal.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.