I Chumbawamba finanziano la lotta al capitalismo coi soldi della General Motors

Gli anarchici Chumbawamba continuano la loro lotta al capitalismo “dall'interno”. L'agenzia Reuters, riprendendo un articolo del giornale britannico Observer, riferisce che la General Motors ha versato alla band 70.000 sterline per poter usare il brano “Pass it along” nei propri spot pubblicitari, senza sapere che il gruppo avrebbe successivamente dato i soldi a organizzazioni anticapitaliste. Metà della cifra è andata a Corp Watch, gruppo che ha intenzione di finanziare uno studio sull'impatto sociale e ambientale dei metodi produttivi proprio della General Motors, e l'altra metà è andata a IndyMedia, che userà i soldi per azioni di disturbo nei confronti delle grandi corporation. “Durante tutti gli anni in cui non avevamo denaro, abbiamo scoperto quanto possa essere potente se è nella mani giuste”, ha commentato la band di “Tubthumping”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.