La Mute si ingrandisce, e Miller chiede aiuto a Mike Heneghan (ex Pias)

Forte dei grandi successi riscossi ultimamente con i dischi di Nick Cave, Depeche Mode e (soprattutto) Moby, il padre padrone della celebre ed agguerrita “indie” britannica, Daniel Miller, si è convinto della necessità di assumere un braccio destro “rubando” Mike Heneghan alla Pias, società che (tramite la consociata Vital) distribuisce la Mute in Gran Bretagna e ne gestisce in licenza il repertorio in diversi paesi europei (non in Italia, dove l'etichetta si affida oggi alla ExtraLabels di Carlo Martelli, marchio del gruppo Virgin, vedi news).
Heneghan assumerà le mansioni di direttore generale a partire dal prossimo 4 febbraio, mentre il posto da lui lasciato vacante in Pias verrà ricoperto dall'ex direttore marketing John Dyer. Miller, che fondò la Mute nel 1978 per pubblicare il suo unico singolo come artista (sotto lo pseudonimo dib The Normal), manterrà comunque un ruolo operativo al vertice della struttura.
Music Biz Cafe, parla Paola Marinone (BuzzMyVideos)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.