Grooveshark, una società newyorkese vuole comprarla e collaborare con le major

Nel music business i suoi nemici non si contano (tra essi figurano tutte le major, Universal in testa, e il distributore digitale TuneCore). Eppure sono in molti -  a partire da etichette indipendenti come la ATO di Dave Matthews - a riconoscere al servizio di streaming e condivisione musicale Grooveshark una notevole potenzialità sotto il profilo promozionale e commerciale: cosicché non stupisce più di tanto apprendere che una società di investimenti newyorkese, la Spring Mountain Capital facente capo ad Avi Faliks, ha contattato la società proprietaria della piattaforma, Escape Media, con l'obiettivo di acquistarla e trasformarla in un'impresa pienamente legale e autorizzata dalle major discografiche (sulla falsariga di ciò che accadde a Napster, in verità assai meno popolare oggi di quando era considerata il simbolo della pirateria musicale). 



Per ricostruire i rapporti deteriorati con l'industria musicale Falik avrebbe pensato di assumere in qualità di mediatore Gary Stiffelman, avvocato specialista nel settore dell'entertainment che ha già lavorato per pop star come Lady Gaga, Trent Reznor e Justin Timberlake. Compito delicato, il suo, dal momento che con Grooveshark le major continuano a litigare in tribunale: EMI per il mancato pagamento delle somme pattuite nel contratto di licenza, le altre tre perché ne contestano il modello di funzionamento che consente agli utenti di caricare la loro musica sul sito per condividerla con gli altri (lo stesso problema delle mancate autorizzazioni costrinse Telecom, tre estati fa, a rescindere in fretta e furia la partnership con la società americana per il servizio musicale Next Music).


 
Secondo CNET, che riferisce dell'interessamento da parte di Falik, Escape Media non si è ancora pronunciata sulla sua proposta di acquisto attendendo di conoscere i termini dell'offerta di un altro potenziale e sconosciuto acquirente.

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.