Universal pronta a rinunciare a Coldplay e Pink Floyd (ma non ai Beatles)

Universal pronta a rinunciare a Coldplay e Pink Floyd (ma non ai Beatles)

Un promemoria spedito dal numero uno della EMI Roger Faxon ai dipendenti e ripreso in esclusiva da Music Week fa chiarezza su quanto proposto dall'acquirente Universal Music alle autorità antitrust europee per garantirsi l'ok alla fusione tra le due major:  il pacchetto di disinvestimenti, spiega l'ad al personale, si riferisce al solo territorio dell'Area Economica Europea e include i cataloghi Parlophone, Mute, Ensign e Chrysalis (ma non quello pop della Virgin, voluto da Richard Branson e Patrick Zelnik), oltre a quelli di EMI Classics e Virgin Classics e alla quota EMI nelle celebri e fortunate compilation della collana "Now": ne restano esclusi i Beatles (sia come gruppo che come solisti) e Robbie Williams, ma non altri artisti di punta del roster come i Coldplay, né i Pink Floyd (che nei riguardi della EMI avevano mostrato ultimamente segni di insofferenza) e la neo star dell'edm David Guetta.



Universal, spiega Faxon, è pronta a liquidare anche  i suoi interessi in società come Sanctuary, Co-op e UMG Grecia; sul fronte delle licenze, è disposta a rinunciare o a non rinnovare contratti con case discografiche come Disney Records, Hollywood Records, Ministry of Sound e Restos du Coeur (Francia). La major guidata da Lucian Grainge prevede inoltre la possibilità di un "disinvestimento di un certo numero di imprese operative nell'Europa continentale", incluse le sedi EMI in Francia, Belgio, Repubblica Ceca, Polonia, Portogallo, Svezia e Norvegia. Una decisione finale da parte dei commissari europei, che sulle proposte dovranno sentire anche i pareri di altri soggetti interessati, non è attesa prima della seconda metà del mese di settembre.



"Tenuto conto di tutto questo", scrive Faxon nel suo "memo", "è possibile che con il vento alle spalle la vendita di EMI e il passaggio a UMG possano avvenire entro la fine di settembre. Ritengo tuttavia più realistico programmare una finalizzazione dell'operazione per fine ottobre". "Sarà solo in quel momento", aggiunge, "che ogni proprietà di cui è stata decisa la liquidazione potrà essere messa in vendita, e anche allora ci vorrà comunque qualche tempo in più per completarne la vendita. Abbiamo a disposizione un certo intervallo di tempo, dunque, per redigere piani che tengano conto delle esigenze dei nostri artisti; nel frattempo continueremo a lavorare con l'impegno di sempre per assicurare agli artisti stessi i risultati che meritano".
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.