NEWS   |   Italia / 27/07/2012

Concerti, Celentano a Verona e i biglietti anti-bagarini: cosa c'è da sapere

Concerti, Celentano a Verona e i biglietti anti-bagarini: cosa c'è da sapere

Sono andati esauriti i biglietti per i concerti che Adriano Celentano terrà i prossimi 8 e 9 ottobre all'Arena di Verona: le operazioni di prevendita dei tagliandi, parte dei quali resi disponibili al prezzo simbolico di un euro per volontà dello stesso artista, sono state gestite da TicketOne in modo da arginare il più possibile il fenomeno di secondary ticketing, ovvero la speculazione online attuata per mezzo di rivendita tra privati su piattaforme Web dedicate.

Le contromisure adottate dell'operatore per contrastare le transazioni sul mercato secondario hanno tuttavia fatto sorgere più di un dubbio a diversi nostri lettori, preoccupati che una legittima cessione del biglietto ad un familiare o ad un conoscente per motivi tutt'altro che speculativi possano rappresentare un problema durante l'accesso all'Arena.

E' esemplare, da questo punto di vista, il caso di una lettrice, che avendo acquistato una coppia di biglietti da un euro per i genitori - che non essendo titolari di una carta di credito non avrebbero potuto portare a termine la transazione - adesso teme che la non corrispondenza tra il nominativo dell'acquirente e quelli dei fruitori finali possa invalidare i tagliandi (che, come ci ha specificato, le verranno recapitati a casa via corriere nei prossimi giorni).

"In casi come questi, la prima cosa da fare è compilare il form presente sul nostro sito (e raggiungibile a questo indirizzo) specificando il numero di ordine di acquisto nel campo apposito e spiegando, nello spazio riservato ai commenti, la volontà di cambiare nominativo", ci ha spiegato il responsabile commerciale di TicketOne Andrea Grancini: "Gli addetti agli accessi saranno dotati di un palmare che - grazie ad un codice impresso sul biglietto - sarà in grado di rivelare l'identità del titolare. Anche nel caso la card sia già stata stampata con il nome dell'acquirente, nel caso si voglia effettuare una cessione 'pulita' l'unico modo è questo". La delega sarà ancora più facile, come già spiegato tempo fa, per chi vorrà cambiare un voucher presso la biglietteria: "In questo caso sarà sufficiente esibire il documento originale - non una copia - del delegante: in questo modo avremo la certezza del carattere non speculativo della cessione".

Viene riconfermata, senza mezzi termini, la lotta contro il secondary market: "Controlli, a campione e non, ne effettueremo di certo in fase di affluenza presso la struttura", ribadisce Grancini, "Nel contratto stipulato dall'acquirente con TicketOne, al momento dell'acquisto, c'è la disponibilità, da parte del contraente, ad esibire i documenti agli incaricati. Le modalità esatte verranno stabilite dal promoter, ma - in ogni caso - faremo di tutto per contrastare il fenomeno del bagarinaggio online".

Le misure adottate finora stanno dando i propri frutti, a giudicare dalla disponibilità di tagliandi presso le piattaforme di secondary ticketing? "Per quello che possiamo vedere, ad oggi, direi di sì", risponde Grancini: "Per grandi eventi - come ad esempio quello di Lady Gaga - la disponibilità sui maggiori siti di mercato secondario è di qualche centinaio di unità. Per lo show di Celentano, al momento, l'offerta è limitata a qualche decina".
 

Scheda artista Tour&Concerti
Testi
PROG ITALIANO
Scopri qui tutti i vinili!