Video online in Europa, l'Italia è il Paese a maggior tasso di crescita

Se non negli indicatori che misurano il benessere economico e la stabilità finanziaria, la distanza tra Germania e Italia si riduce quanto meno nel consumo di video online. Un'indagine specifica mirata sui principali mercati europei, aggiornata al mese di maggio 2012  e realizzata dalla società americana comScore in partnership (per il nostro territorio) con Demoskopea rivela infatti un incremento anno su anno del 27 per cento nel numero di spettatori unici di video online in Italia (a casa e sul posto di lavoro, tra i cittadini di età superiore ai 15 anni: il panel locale supera le 30 mila persone),  il più alto nei cinque Paesi presi in considerazione. Il totale dei fruitori video supera ora nel nostro Paese i 24 milioni di persone, pari all'84 per cento degli utenti  Internet, a fronte dei 43,6 milioni della Germania (+ 3 per cento), dei 37,8 milioni della Francia (+ 6 per cento), dei 31,8 milioni del Regno Unito (+ 8 per cento) e dei 20,7 milioni della Spagna (+ 15 per cento).



I video visualizzati nel mese di maggio 2012 ammontano a 3,5 miliardi, con un incremento anno su anno del 46 per cento, mentre ad accapparrarsi la grande maggioranza dell'audience, 90 per cento, è YouTube (21,7 milioni di utenti a maggio). Tra i canali  partner della piattaforma di Google i più visti in Italia sono quelli a contenuto musicale, Vevo (8,6 milioni di spettatori unici) e Warner Music (5,6 milioni); il canale  Rai (3,2 milioni di utenti unici) è il più frequentato tra quelli di origine locale, e precede per numero di spettatori Bigpoint (2,3 milioni) e Believe (2,1 milioni; tutti i dati dei partner YouTube escludono lo user generated content, cioè i video realizzati e caricati dagli stessi utenti). Come gli altri quattro Paesi europei oggetto dell'indagine, anche l'Italia registra un aumento del numero dei video (144 al mese, + 15 per cento) e delle ore (15,3 al mese, + 8 per cento) fruite per spettatore; entrambe le classifiche sono capeggiate dal Regno Unito, con una media mensile pro capite di 309 filmati visti e di 32 ore  trascorse a guardare video online.



"L'Italia sta recuperando terreno molto velocemente sia per quanto riguarda la dimensione dell'audience sia per il numero di video visti", commenta l'amministratore delegato di Demoskopea Fabrizio Angelini. "Considerando la composizione socio demografica degli spettatori e il progressivo arricchimento dell'offerta video di qualità crediamo che tale crescita sia destinata a durare nel tempo e a modificare profondamente i comportamenti di fruizione dei contenuti video".
 

Dall'archivio di Rockol - 1991, l'ultimo anno d'oro del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.